Europei di Nuoto 2022, via al Foro Italico

Ultime notizie

ATE Cup, un Winter Split tutto italiano

ATE Cup, finalmente un campionato in grado di colmare...

Federer annuncia il ritiro: “Ti amo e non ti lascerò mai”

A 41 anni Roger Federer lascia il tennis pubblicando...

Sportcity , l’evento per la sportivizzazione dei luoghi

Che significa sportivizzazione dei luoghi? Rendere le città più...

Simone Giannelli, l’arma in più dell’Italia di De Giorgi

Simone Giannelli: il regista italiano che dipinge con le...

Share

Rome Swim Rome è il claim degli europei ospitati al Foro Italico con mille atleti iscritti e ben 102 atleti italiani. Record di partecipanti. Madrina dell’evento Federica Pellegrini

Paolo Barelli, Federica Pellegrini Press Conference Roma, 9/8/2022 Stadio del Nuoto XXVI LEN European Championships Roma 2022 Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Tra record e grandi ritorni, ecco Rome Swim Rome

Trentamila biglietti già venduti, 14 televisioni e tre radio collegate da tutta Europa, 49 Nazioni e mille atleti iscritti, di cui 102 del Team Italia, il più numeroso di sempre. L’edizione numero 36 dei Campionati Europei delle discipline acquatiche, che tornano a Roma e in Italia dopo 39 anni, è pronta al via. Cinque discipline, nuoto in piscina, nuoto in acque libere, nuoto artistico, tuffi e tuffi dalle grandi altezze, suddivisi in altrettanti campi gara, dall’11 al 21 agosto.

E’ la quarta volta che i Campionati Europei delle discipline acquatiche si svolgono in Italia: a Bologna 1927, Torino 1954 e Roma 1983 le tre precedenti. Lo Stadio del Nuoto, “la piscina più bella del mondo”, già sede delle Olimpiadi di Roma 1960, dei Mondiali del 1994 con il titolo del Settebello e quelli del 2009 con Federica Pellegrini che s’impose nei 200 e 400 stile libero con relativi record del mondo. Le discipline acquatiche sono divenute negli ultimi 20 anni sport vincenti a partire da Sydney 2000 con l’oro olimpico di Fioravanti. In quello stesso anno divenne campione olimpico Massimiliano Rosolino. Oggi è tra gli ambassador dell’evento insieme a Filippo Magnini e Tania Cagnotto.

Europei di Roma 2022 in pillole

In questi numeri da record, 102 ecco il dettaglio dei partecipanti. 58 atleti nel nuoto .14 nel sincronizzato o nuoto artistico. 12 nei tuffi e 5 nei tuffi dalle grandi altezze. 15 nel nuoto in acque libere. Tra questi, 37 atleti sono nati nel nuovo millennio. Nel nuoto esordio europeo per le gemelle Antonietta e Noemi Cesarano che hanno ottenuto il pass ai recenti campionati assoluti di Ostia. In gara anche i fratelli Luca e Marco De Tullio, il figlio d’arte Michele Lamberti e i neo sposi Fabio Scozzoli e Martina Carraro. Nel sincro debutta per la prima volta a livello europeo assoluto l’esercizio singolo maschile con il bicampione mondiale del due mixed a Budapest 2022 Giorgio Minisini che parte favoritissimo. Così come lo sarà nel mixed in coppia con Lucrezia Ruggiero.

Prima volta nel programma europeo anche dei tuffi dalla grandi altezze, 27 metri per gli uomini e 20 per donne, a cui l’Italia partecipa con il bronzo mondiale di Budapest 2017 Alessandro De Rose. Presente anche l’enfant prodige Elisa Cosetti, già protagonista in Coppa del mondo. E i debuttanti Davide Baraldi, Andrea Barnaba e Veronica Papa, tutti prevenienti dal progetto Grandi Altezze, promosso ed organizzato dalla Federazione Italiana Nuoto nel 2020. Nei tuffi c’è grande attesa per i giovani fenomeni romani Matteo Santoro e Chiara Pellacani nel sincro mixed da tre metri, specialità nella quale si presentano al pubblico di casa da campioni d’Europa in carica (oro a Budapest 2021) e vice campioni del mondo a Budapest 2022 (precedeuti dai cinesi Zifeng Zhu e Shan Lin).
Nel nuoto in acque libere, cosi come in quello in piscina, brilla il campione di tutto Gregorio Paltrinieri, che guida una spedizione record di 15 atleti.

spot_img