NBA, la nuova stagione è alle porte: la guida alla Regular season 2023/24

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Manca sempre meno all’inizio della nuova Regular season NBA 2023/24. Nastri di partenza il 24 ottobre con il ritorno della lega più spettacolare del mondo. Il Draft e la finestra trasferimenti estiva hanno cambiato la fisionomia di molte franchigie e di conseguenza le gerarchie potrebbero ribaltarsi. Non vediamo l’ora che inizi lo spettacolo.

Durant e Booker Phoenix Suns
NBA, Durant e Booker Phoenix Suns (Photo by Christian Petersen/Getty Images)

NBA, Regular season 2023/24 – ad Est i Bucks in prima fila, Boston e Phila principali antagoniste

Sta per partire la rincorsa al titolo NBA, vinto dai Denver Nuggets nell’ultima stagione. Jokic e Murray avranno l’arduo compito di difenderlo ma dovranno vedersela con nuovi avversari decisamente affamati. I primi avversari dei campioni in carica saranno i Lakers di LeBron James e Anthony Davis, non esattamente i due giocatori più semplici da affrontare nell’opening night. Nella stessa notte il grande ex Kevin Durant se la vedrà con il suo passato, i Golden State Warriors. La grande novità della nuova stagione riguarda l’introduzione dell’In Season Tournament, che prevede 4 gare per ogni franchigia. Il 3 novembre avrà inizio, con le final four programmate dal 7 al 9 dicembre. Naturalmente, però, i riflettori sono puntati sulla regular season e sulle principali favorite a Est e ad Ovest. Nella Eastern Conference ai blocchi di partenza in prima linea si piazzano i Milwaukee Bucks, la squadra da battere, soprattutto dopo l’approdo di Damian Lillard, arrivato in estate nella trade intrecciata che ha coinvolto Jrue Holiday.

Insieme a Giannis Antetekoumpo costituisce una delle coppie più temibili della Lega e probabilmente anche una delle più spettacolari degli ultimi anni. Naturalmente la sentenza definitiva spetterà al campo e sarà cruciale l’equilibrio difensivo che potrebbe venire a mancare. Sullo stesso piano si piazzano i Boston Celtics, freschi dell’inserimento di un leader come Jrue Holiday, uno dei migliori difensori della Lega. Capitanati da Jason Tatum e da un supporting cast di altissimo livello come Brown, Porzingis, Al Horford, Williams III. Proveranno a farsi largo i Philadelphia 76ers di Embiid ma l’ago della bilancia sarà il futuro di Harden. Potrebbe, invece, essere la stagione della definitiva consacrazione per Tyrese Maxey. Anche i Miami Heat di Jimmy Butler non staranno a guardare. Da non sottovalutare i New York Knicks che l’anno scorso hanno stupito, grazie ai colpi di Randle e Brunson, piazzandosi al 5° posto a Est. Occhio alle outsider come i Cleveland Cavaliers di Donovan Mitchell e gli Orlando Magic che possono contare sul Rookie of the Year, Paolo Banchero.

NBA, Jrue Holiday Boston Celtics
NBA, Jrue Holiday Boston Celtics (Photo by Brian Babineau/NBAE via Getty Images)

Western Conference senza padrone: Lakers, Suns e Warriors insidiano i Nuggets

A Ovest i Denver Nuggets partono con i favori del pronostico, avendo vinto l’ultimo titolo NBA ma a dire il vero è piuttosto difficile trovare un vero padrone nella Western Conference. LeBron e Davis non accetteranno di fare le comparse, anzi, proveranno a riportare il titolo a Los Angeles, per dimostrare di poter ancora essere dominanti. In prima fila anche i Phoenix Suns di Durant e Booker, una delle coppie potenzialmente più devastanti dell’intera Lega. La franchigia dell’Arizona ha tutto per arrivare in fondo, avendo inserito anche Bradley Beal. Quando si parla di Luka Doncic è impossibile non inserirlo tra i favoriti, ancor di più se il suo partner si chiama Kyrie Irving. Di conseguenza i Dallas Mavericks vanno tenuti in grande considerazione, almeno per un ruolo da protagonista. Quasi d’obbligo inserire i Golden State Warriors di Curry, Thompson e Green. La franchigia di San Francisco quest’anno potrà contare anche sull’esperto Chris Paul, un plus che può spostare e non poco.

Nell’ultima stagione i Pelicans ma soprattutto i Sacramento King sono stati la mina vagante a Ovest, terzi nella scorsa Regular season. Sarà interessante capire fino a che punto De’Aaron Fox e compagni riusciranno a confermarsi. Uno dei temi più caldi del momento è quello del load management (controllo dei carichi di lavoro), comodo per una squadra come i Clippers per gestire chirurgicamente il minutaggio delle proprie stelle, Kawhi Leonard e Paul George. Un tema che la Lega sta provando a rimodellare. La squalifica di Ja Morant per 25 partite rende tutto molto complicato per i Memphis Grizzlies che dovranno affidarsi a Desmond Bane. Un’altra protagonista a sorpresa potrebbe essere Minnesota, trascinata dall’estro del classe 2001 Anthony Edwards e dall’esperienza di Karl-Anthony Towns e Rudy Gobert. Spesso le idee iniziali vengono disattese strada facendo e il fattore infortuni avrà un peso decisivo nel destino delle franchigie. Di certo non mancano le premesse e gli stimoli per sedersi comodi e godersi la nuova stagione della Lega più straordinaria del mondo.

spot_img