Jaylen Brown firma il contratto più ricco nella storia della NBA

Ultime notizie

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

MotoGP: a che punto è Marc Marquez?

Dopo i test di Valencia le aspettative erano altissime....

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

Share

I Boston Celtics hanno scelto di puntare ancora su Jaylen Brown che ha firmato il contratto più ricco di sempre nella storia della NBA. Si tratta di un quinquennale da 304 milioni di dollari, senza player option e con il trade ticker in caso di scambio futuro. Le responsabilità per la guardia statunitense aumentano radicalmente.

Jaylen Brown contratto più ricco NBA
Jaylen Brown (AP Photo/Steven Senne)

Contratto di 5 anni da 304 milioni di dollari: Brown il più pagato di sempre in NBA

La notizia è arrivata pochi giorni fa, in piena post-season. Jaylen Brown ha firmato un contratto di 5 anni da 304 milioni di dollari che entrerà in vigore dalla stagione 2024-25 e che lo renderà il giocatore più pagato della Lega e il più pagato di sempre nella storia della NBA. Una notizia abbastanza sorprendente, vista anche come era terminata l’ultima annata della guardia dei Boston Celtics. La sua serie playoff contro i Miami Heat si era conclusa in modo piuttosto deludente e sembrava nell’aria un suo possibile addio. La situazione si è ribaltata con Brown che ha superato anche le cifre del nuovo contratto del campione NBA in carica Nikola Jokic (264 milioni con i Denver Nuggets). Nel complesso, però l’ultima stagione di Brown è stata la migliore da quando è nella Lega: il nativo di Marietta ha ottenuto il massimo di punti in carriera, 26.6 a partita, ma anche di percentuale al tiro, 49%.

Insieme a Tatum ha contribuito a portare Boston in finale di Conference, arrendendosi a uno straripante Jimmy Butler. Inevitabilmente le responsabilità per Jaylen Brown aumenteranno radicalmente e dovrà dimostrare di saper reggere il peso di un contratto di questo tipo. Fin ora la guardia classe ’96 è stato il secondo violino, il partner della vera stella di Boston, Jayson Tatum. Dalla prossima stagione dovrà cercare di assottigliare questa differenza, diventando il punto luce dei Celtics per puntare al titolo. Il contratto faraonico di Brown, però, potrebbe essere superato proprio da quello di Tatum e di Giannis Antetokounmpo nel giro di poco tempo. Intanto, però, Brown è diventato il primo cestista a infrangere il muro dei 300 milioni e può godersi questo primato ancora per un pò. Nella carriera della terza scelta del Draft 2016 manca ancora l’anello. Se pur i Boston abbiano raggiunto un livello eccellente nel corso degli ultimi anni, è sempre mancato quell’ultimo gradino per tornare sul tetto d’America.

Jayson Tatum e Jaylen Brown
Jayson Tatum e Jaylen Brown (Credit: Getty Images)

Brown infrange il muro dei 300 milioni: sempre più simbolo dei Boston Celtics

I Boston Celtics sono ancora oggi la franchigia più vincente della storia NBA insieme ai Lakers, con 17 anelli vinti. L’ultimo titolo però risale al 2008, quando Kevin Garnett, Ray Allen e Paul Pierce sconfissero 4-2 proprio i gialloviola di Kobe Bryant. Sono trascorsi 15 anni dall’ultima gioia del popolo del TD Garden e da allora i Celtics hanno lavorato stagione dopo stagione per ricostruire. Tra il 2016 e il 2017 le scelte di Brown e Tatum hanno gettato le basi per un progetto vincente, arricchito negli anni dagli arrivi di Kyrie Irving prima e Kemba Walker poi. In entrambi i casi è mancato lo switch decisivo per arrivare in fondo ma Jaylen Brown è sempre rimasto un pilastro dei bianco verdi, attraversando tutte le fasi recenti del processo di rifondazione della franchigia del Massachusetts. Quest’anno la squadra di Joe Mazzulla dovrà provare a confermare quanto di buono visto nella scorsa stagione, consapevole che ci saranno numerose pretendenti al titolo.

Naturalmente in prima fila partono i Denver Nuggets campioni in carica ma non troppo lontano troviamo i Los Angeles Lakers di Lebron James che si avvicina alla sua ‘The Last Dance’ e vuole chiudere in bellezza conquistando il quinto titolo della carriera. I Phoenix Suns hanno perso Chris Paul, direzione Golden State Warriors ma hanno guadagnato Bradley Beal che diventerà il nuovo partner di Booker e Durant. Ai blocchi di partenza anche Miami Heat e Philadelphia 76ers potrebbero essere due delle principali rivali dei Celtics a est. Servirà un upgrade ulteriore da parte di Jaylen Brown che fino ad ora ha dimostrato di essere il ‘Robin’ che qualsiasi ‘Batman’ vorrebbe al suo fianco. Alla luce del contratto faraonico, il ragazzo dell’università di Berkeley però dovrà dimostrare di poter essere anche l’attore principale, il direttore d’orchestra di cui Boston ha urgente bisogno per tornare a vincere.

spot_img