Formula 1, Miami e crisi MotoGp

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

5° gara del campionato di Formula 1. Verstappen trionfa, Leclerc secondo, ma la nuova pista di Miami non convince. “Troppi circuiti cittadini. Tanti incidenti, continue safety car e gare falsate. Queste piste buone solo per gli sponsor”. Sul lato Motogp, il periodo di crisi non passa: “Mancano i veri trascinatori. Non ci sono più i fuoriclasse di un tempo. Ad oggi solo piloti medio-buoni e niente più”.

Formula 1
Auto di Formula 1 durante il warm up

Troppi circuiti cittadini e safety car sempre in pista. Formula 1, dov’è finito lo spettacolo di inizio stagione?

In Formula 1, dall’ultimo weekend, ad uscire vincitore è stato Max Verstappen sulla sua Red Bull. Il pilota tedesco ha chiuso davanti al rivale Leclerc. Brillante la sua vittoria, ne aveva di più rispetto alla Ferrari. A far discutere, tuttavia, è stato il nuovo circuito di Miami. Inserito quest’anno nel nuovo calendario della Formula 1, si aggiunge alla lunga lista di “piste cittadine” che piacciono tanto a sponsor ed investitori e meno ai tifosi. “Un circuito tutt’altro che bello – sentenzia Feffo dalla live twitch di Motor-Hero, rubrica sportiva di Alteta_tvtanti problemi ai piloti. Incidenti continui e safety car sempre in pista. Dov’è lo spettacolo?”. Gare falsate e pochissimi sorpassi: “La safety car incide troppo sulla gara. Hamilton, per questo motivo, sono due gare che perde il podio – rincara Marco dalla live di Motor-Hero già negli ultimi anni, era faticoso seguire le gare ed ora queste piste sono insostenibili”.

A questo punto, ci si chiede dove sia lo spettacolo tanto sbandierato dai dirigenti F1 ad inizio stagione. “Da una parte è vero, nelle prime gare lo spettacolo per i tifosi era aumentato, c’era stata una bella competitività – spiega Feffo – ma, come ha detto Hulkenberg, gli ingegneri si sono già adattati al regolamento nuovo e di conseguenza le gare sono tornate ad essere quelle degli scorsi anni. Non basta cambiare il regolamento per regalare una bella Formula 1 ai tifosi. Servono nuove basi, occorre un cambio profondo di categoria”. La grande pecca, i circuiti cittadini. “Il problema è che le piste sono tutti circuiti cittadini, voluti solamente da sponsor e finanziatori – sottolinea Marco – Senza ala mobile, lì non si sorpassa e se entra la safety car si ribalta tutto”.

Formula 1
Piloti di MotoGp in gara

Panoramica sulla Motogp: livello basso e crisi della qualità dei piloti in griglia

Dal weekend di F1, cambiamo campionato ed andiamo sulle piste del Motomondiale. Dopo la settimana di pausa, domenica 15 maggio si gareggia a Barcellona. Guardando la classifica, regna l’equilibrio e salta subito all’occhio, come, tra tanti buoni piloti non ci sia nessun fuoriclasse. Sono finiti i tempi dei vari Rossi, Lorenzo e Stoner? La Motogp è in crisi? “Prendiamo ad esempio Aleix Espargaro – spiega Marco – in 15 anni di carriera, non ha mai avuto un acuto né continuità, è stato una semplice comparsa. Eppure, quest’anno è in piena lotta per il mondiale. Questo deve far riflettere. Se un pilota, che in carriera faceva fatica ad arrivare tra i primi 7 e di botto si ritrova in corsa per il titolo, o ha trovato all’improvviso la competitività che gli mancava o questo motomondiale non è più al livello di un tempo? Espargaro è diventato di colpo un fuoriclasse?”.

Troppi piloti medio buoni e nessun vero campione: “Tolto, forse Quartararo, ad oggi in motogp non ci sono vere stelle. E’ normale che il livello si abbassi se in griglia gareggiano piloti come Marini, Bezzecchi, Miller o Zarco. Non sono fuoriclasse, questo è appurato – ribatte Feffo – Quando 10 anni fa, vedevi in pista Rossi, Pedrosa, Lorenzo e Stoner, sapevi che c’era vera competitività. Oggi, rischi di vedere un pilota arrivare primo al mondiale con solo 2 vittorie in stagione”. Il rischio è avere, nei prossimi anni, una Motogp senza veri campioni: “Tra 10 anni, guarderemo a questi campionati con distacco e poco interesse, perché è come se tutti sono stati protagonisti, ma in realtà non lo è stato nessuno – sottolinea Marco – non ci sono veri trascinatori. Lì davanti c’è tanta bagarre, perché il livello si è abbassato e non c’è il vero campione che prende il largo”.

spot_img