Semifinali play off femminili. Lazio: risultato storico

Ultime notizie

PGNats 2023: i primi rumors

Se la preseason di LEC e tutte le altre...

Verdasco positivo al doping: squalifica troppo breve?

Il tennista spagnolo Fernando Verdasco, 39 anni, è risultato...

Bounou show, è lui l’uomo del Mondiale?

Yassine Bounou è l'uomo della provvidenza. Para due rigori...

Wayne Gardner: “Le quattro tempi odierne molto più semplici delle due tempi”

Wayne Gardner, padre dell'attuale pilota Superbike ed ex campione...

Share

Dopo aver fatto il punto della situazione in vista dei play off di futsal maschile, al via le semifinali play off per lo scudetto di calcio a 5 femminile. La regular season ha portato otto squadre a disputare i play off quest’anno: Città di Falconara, Futsal Pescara Femminile, Marbel Bitonto, Lazio, TikiTaka Francavilla, Italcave Real Statte, Granzette e Biscelle (in ordine di classifica). Il Città di Falconara ha facilmente archiviato la sfida contro il Bisceglie con un doppio 6 a 1 raggiungendo in semifinale il TikiTaka Francavilla che, con qualche difficoltà ha eliminato il Bitonto. Stesso copione per la seconda semifinale: il futsal Pescara non ha fatto fatica contro il Granzette mentre la Lazio per superare il turno ha avuto bisogno di una Gara 2 epica contro l’Italcave Real Statte.

Denise D'Angelo, pivot Lazio. Ci parla delle semifinali play off
Denise D’Angelo

La Lazio di Chilelli raggiunge un risultato storico, battendo l’Italcave Real Statte e approdando in semifinale play off.

Per la Lazio di Chilelli si tratta di una qualificazione storica. Per la prima volta le biancocelesti raggiungono le semifinali play off per lo scudetto. Dalla nascita della squadra femminile, nel 2015, le aquile non avevano mai superato i quarti. Anche se ci sono andate vicinissime l’anno scorso, come ci racconta Denise D’Angelo. Denise, di mestiere pivot classe ‘90, è una veterana della Lazio e gioca con questa maglia fin da quando la denominazione era “L’acquedotto”. È stata tra le protagoniste della scalata in Serie A, poi, per qualche anno ha militato in A2 con PMB e Virtus Ciampino. L’amore per la Lazio, però, non è mai finito e l’ha riportata a casa nel 2015. Adesso è un pilastro dello spogliatoio biancoceleste.

L’anno scorso siamo arrivate seste e abbiamo incontrato lo Statte. Sono state due partite particolari. La gara d’andata è stata tirata, molto chiusa ed è terminata 1 a 1. Al ritorno, in casa nostra, abbiamo fatto una partita incredibile. È stato folle, stavamo sotto di quattro gol e abbiamo recuperato: è finita 7 a 7. Con la formula dello scorso anno siamo andati a gara 3 ma il campo sembrava stregato e non siamo riuscite a passare” (finisce 4 a 3 N.d.R.).

La Lazio che ha raggiunto le semifinali play off (foto di squadra)
Lazio calcio a 5

“C’è la mentalità giusta questa volta” afferma Denise D’Angelo ma l’avversario è temibile

L’anno scorso al roster di Chilelli, nonostante l’ottimo campionato e l’attaccamento alla maglia delle sue giocatrici è mancato qualcosa: “Forse non eravamo abbastanza mature”, ipotizza Denise D’Angelo, che ai quarti si è trovata davanti lo stesso avversario ma “quest’anno, nonostante la pessima partita in casa loro, mentalmente c’è una squadra diversa. Ci siamo guardate in faccia e ci siamo ritrovate”. Lo Statte si era imposto per 4 a 1 all’andata ma le aquile hanno ribaltato il risultato qualificandosi con un risultato importante: 6 a 2. Concentrazione e conoscenza dei propri mezzi, insieme all’arma tattica del portiere di movimento messa in campo fin dall’inizio del match, hanno portato la Lazio a raggiungere questo risultato storico.

Di festeggiare però non è ancora il momento, nonostante l’emozione della vittoria a Fiano Romano, sotto gli occhi del proprio pubblico. La Lazio adesso pensa alla semifinale play off con il Futsal Pescara, l’ex Montesilvano, campione in carica. “Sarà difficile. Gli scontri in campionato non ci vedono favorite: abbiamo perso all’andata e pareggiato al ritorno ma non siamo la stessa squadra. Storicamente non riusciamo a esprimerci al meglio contro di loro ma abbiamo le nostre armi. Loro saranno pure tecnicamente più forti ma poi in campo contano testa e cuore e noi siamo pronte a dare battaglia”.

spot_img