Bobo Tv, il format che ha monopolizzato il calcio sul web

Ultime notizie

Omosessualità, il tabù degli sport di squadra maschili

E' una storia che appartiene a pochi quella che...

MotoGp: Bastianini vince, Bagnaia sempre a terra

Altro weekend del Motomondiale messo a referto. Dopo la...

Piazza di Siena, 100 anni di sport e natura, nel cuore di Roma

Giunto all'edizione numero 89, il CSIO (Concours Saut International...

Share

Il mondo dei social ha rivoluzionato (anche) la comunicazione sportiva. Non è sempre facile distinguere le fonti attendibili da quelle non affidabili. Nell’ultimo anno, però, all’interno di una centrifuga irrefrenabile di programmi e format calcistici, sta prendendo sempre più risalto la Bobo Tv, un format sul calcio, nato su Twitch, diventato ormai un fenomeno mediatico di enorme risonanza.

La nascita della Bobo Tv: il calcio aperto a tutti

La Bobo Tv nasce da un’idea di Bobo Vieri che durante il primo lockdown ha sfruttato il suo status sui social per parlare di calcio, raccontando le sue esperienze di campo e non solo. La gente lo ha seguito con passione e interesse, dando l’input all’idea del bomber ex Inter. Vieri ha creato una vera e propria Tv online aperta a tutti, reclutando tre personaggi di grande spicco in Italia che ad oggi sono i protagonisti del format: Antonio Cassano, Lele Adani e Nicola Ventola. Insieme a loro ha lanciato una nuova trasmissione che nel giro di un anno è diventata un fenomeno mediatico di incredibile risonanza.

La Bobo Tv è ad oggi uno dei format più importanti in Italia e non solo. I risultati ottenuti sono incredibili per una realtà che ha preso forma da appena un anno: primo posto nella classifica TwitchMetrics per la crescita più rapida in termini di visualizzazioni e quarto posto al mondo tra i migliori canali sportivi. Dati che certificano il valore dei contenuti e il coinvolgimento riservato al pubblico da parte dei protagonisti, rivelatisi gli attori principali di uno dei format più innovativi e interattivi del panorama calcistico italiano. La Bobo Tv viene trasmessa in diretta serale con cadenza settimanale, attraverso la presenza fissa di Vieri, Adani, Cassano e Ventola tramite webcam. Grazie al supporto della regia, durante la trasmissione vengono mandati in onda video, statistiche, dichiarazioni dei protagonisti. Spesso anche gli utenti hanno la possibilità di collegarsi in diretta durante il programma per interagire con i quattro protagonisti.

Un nuovo modo di comunicare: cortocircuito mediatico

La vera chicca della Bobo Tv, però, è la presenza di ospiti di enorme caratura calcistica che aumentano a dismisura lo status del format. Tra gli special guest di maggiore spicco Francesco Totti, Daniele De Rossi, Roberto De Zerbi ma anche Pep Guardiola. La vera arma in più del programma sta proprio nell’interattività del pubblico con personaggi che all’apparenza sembrano inarrivabili. Di conseguenza, la possibilità di esprimere opinioni calcistiche di fronte a milioni di persone che ascoltano. La Bobo Tv ha dato voce al popolo attraverso il web e lo ha fatto senza mezze misure, con la leggerezza che offre lo sport ma anche con il rispetto delle opinioni. Inoltre la chiave giornalistica di Adani che, rispetto agli altri tre protagonisti, svolge il mestiere di giornalista-opinionista, ha arricchito notevolmente il format con approfondimenti curati nei minimi particolari.

In un periodo storico in cui i media tradizionali hanno subito gli effetti della pandemia globale, la Bobo Tv ha aperto uno squarcio tra chi godeva di una certa legacy come le piattaforme tv, radio e giornali, e chi invece, non aveva mai avuto spazio per far sentire la propria voce. Ad oggi anche gli ex calciatori sono autori del flusso di comunicazione e non più solo oggetto dello stesso. L’intimità dei protagonisti, legati da un forte sentimento di amicizia, è la vera arma segreta della Bobo Tv. Un elemento che è impossibile ritrovare in televisione e che alleggerisce e sovverte il contesto televisivo classico. Non esistono limiti di tempo, né forzature legate ai tempi televisivi che limitano le riflessioni più approfondite. Né tantomeno, la presenza di un mediatore esterno. Un programma rivoluzionario che apre scenari illimitati alla comunicazione sportiva del futuro.

spot_img