Mondiali, la storia delle partite inaugurali 

Ultime notizie

Coppa del mondo di sci, bene solo le azzurre

Slalom gigante, Marta Bassino sfiora il trionfo a Killington,...

Iran-Usa: un gol può portare la pace?

Una partita che va oltre lo sport, l’agonismo e...

Apoteosi Canada: Coppa Davis conquistata

Le foglie d’acero vincono per la prima volta la...

Beach Volley, Lupo – Rossi: che esordio in Australia

In Australia è il corso l'ultima Challenge del Beach...

Share

Stadio pieno, televisioni, radio e giornalisti collegati da tutto il mondo. Ma anche balli e canzoni popolari, accompagnate da coreografie spettacolari. Tutto questo è da sempre la partita inaugurale del Mondiale che ha spesso regalato emozioni e colpi di scena. In particolare quando a giocare non era la nazionale ospitante bensì quella campione in carica

La cerimonia d'apertura del Mondiale di Russia 2018
La cerimonia d’apertura del Mondiale di Russia 2018

L’incubo dei campioni in carica

Allo stadio Al-Bayt si aprirà ufficialmente il Mondiale in Qatar. La partita inaugurale, dopo diverse vicissitudini, sarà Qatar-Ecuador. Un match che ha obiettivamente poco da offrire agli amanti del calcio. Negli anni però le partite inaugurali, hanno offerto emozioni e risultati inaspettati. Per la sedicesima volta nella storia, il match d’apertura sarà staccato dal resto della competizione. La partita della Nazione ospitante infatti, si giocherà domenica 20 novembre alle 17. Il torneo vero e proprio invece partirà dal giorno successivo con l’Inghilterra che affronterà l’Iran alle 14. 

Il rito così come lo conosciamo oggi è iniziato nel 1966, quando a scendere in campo furono Inghilterra e Uruguay, protagonisti di uno sciapo 0-0. Questo risultato però, osservando attentamente gli almanacchi sportivi, è di gran lunga il più ricorrente nella storia dei match inaugurali. Per vedere infatti una prima partita del Mondiale con una vincitrice, bisogna aspettare ben 12 anni, quando l’Argentina campione in carica nel ‘78, uscì sconfitta per 1-0 contro il Belgio. Tolte infatti le edizioni del 1966 e del 1970, a disputarla, non era la squadra ospitante, bensì quella campione in carica. Una formula che ha regalato colpi di scena inaspettati come il già citato crollo albiceleste. 

La partita inaugurale del Mondiale di Corea e Giappone. Il gol di Diop regala il successo al Senegal contro la Francia
La partita inaugurale del Mondiale di Corea e Giappone. Il gol di Diop regala il successo al Senegal contro la Francia

Dal crollo della Francia alla fuga di OJ Simpson, le clamorose storie dietro la partita inaugurale dei mondiali

La partita inaugurale del Mondiale è stata per tanti anni un incubo per le nazioni che arrivavano con i favori del pronostico. Fino al 1994 infatti nessuna squadra campione del Mondo, era riuscita a vincerla. Quattro i pareggi a reti inviolate, due sconfitte (Argentina-Belgio e Argentina-Camerun), e un pareggio con gol (Italia-Bulgaria 1-1 nel 1986). La prima vittoria è stata della Germania, che ha aperto il Mondiale statunitense con una vittoria per 1-0 sulla Bulgaria firmata Jurgen Klinsmann. Una partita quasi fantasma negli States visto che tutta l’attenzione mediatica era rivolta verso la fuga di O.J Simpson avvenuta lo stesso giorno. Dopo i tedeschi, è il turno della Selecao brasiliana che per portare a casa la vittoria contro la modesta Scozia, ha dovuto sudare parecchio.

La maledizione sembra essere definitivamente scacciata ma come ci insegnano tutte le serie tv poliziesche, per fare una prova servono almeno tre indizi, e il terzo dovrebbe arrivare da Francia-Senegal, match d’apertura del Mondiale di Corea e Giappone. Gli attesissimi campioni in carica però cadono 1-0 sotto i colpi del Senegal di Papa Bouba Diop, prima di uscire definitivamente dal torneo solo nella fase a gironi. Nel 2006 il ritorno alla formula in atto ancora oggi e l’onore tocca ancora ai tedeschi, questa volta in qualità di Paese ospitante. Lahm, Klose e Frings non hanno però deluso il pubblico dell’Allianz Arena, spazzando via la Costa Rica. Poi il turno di Sudafrica-Messico, partita passata alla storia per il gol meraviglioso di Tshabalala che è valso però solo un punto per i padroni di casa (1-1 firmato da Rafa Marquez). Negli ultimi due invece due vittorie nette: la prima del Brasile che nel mondiale casalingo ha liquidato con un 3-1 la Croazia grazie alla doppietta di Neymar e al gol di Fred. Poi il turno della Russia che ne ha rifilati addirittura 5 all’Arabia Saudita, in quella che, tolta Qatar-Ecuador, rimane una delle più brutte partite d’esordio di sempre.

spot_img