Cos’è l’effetto plateau nell’allenamento?

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Intraprendere un nuovo percorso di allenamento o frequentare una palestra può essere un’esperienza eccitante e gratificante e generare il famoso effetto plateau. Questo fenomeno si verifica quando i progressi si fermano o rallentano notevolmente, anche se ci si allena con costanza.

Effetto plateau

I primi sintomi dell’effetto plateau

Uno dei motivi principali dietro l’effetto plateau è l’adattamento del corpo all’allenamento. Dopo alcune sessioni di esercizio, il cervello diventa più abile nel comunicare ai muscoli come muoversi, e il corpo si adatta alle sfide fisiche. Il cuore diventa più forte, migliorando la capacità di pompare sangue ai muscoli. Tuttavia, un recupero muscolare e mentale insufficiente può causare l’effetto plateau. Il riposo inadeguato o l’esecuzione di allenamenti troppo intensi e ravvicinati possono portare rapidamente all’esaurimento. È importante ascoltare il proprio corpo e concedersi il tempo necessario per il recupero.

Un modo efficace per superare il plateau è introdurre varietà nella vostra routine di allenamento. Il corpo si adatta rapidamente agli stessi movimenti e agli stessi carichi. Per stimolare la crescita muscolare e migliorare la forza, è essenziale variare gli esercizi, i pesi, i tempi di riposo e le ripetizioni. Se eseguite sempre gli stessi allenamenti, i muscoli raggiungeranno un punto in cui non verranno più sfidati abbastanza. Quindi, cercate di aggiungere nuovi esercizi o modificare le variabili dell’allenamento per creare nuovi stimoli.

Effetto plateau

L’importanza del riposo e la prevenzione all’overtraining

Il riposo è fondamentale per superare il plateau e continuare a migliorare. Il corpo ha bisogno di tempo per recuperare e adattarsi agli allenamenti. Dormire a sufficienza è essenziale per la crescita muscolare e il recupero. Dopo allenamenti intensi, è consigliabile concedersi uno o due giorni di riposo attivo, dedicandosi a attività meno intense come il camminare o lo stretching. Inoltre, una dieta equilibrata e il consumo di cibo nutritivo sono cruciali per sostenere il vostro corpo durante il processo di recupero.

C’è un equilibrio molto precario tra allenamento e recupero: se il primo è eccessivo ed il secondo non è adeguato, si ha un deficit in termini di metabolismo e di riposo, che porta al sovrallenamento o overtraining. Condizione che interessa gli sportivi, soprattutto agonisti, l’overtraining è quindi la conseguenza di uno squilibrio nell’allenamento e si manifesta come un malessere dai sintomi sia fisici che psicologici. I rimedi sono legati ad un corretto e tempestivo riconoscimento dei sintomi, i quali richiedono una prima importante mossa: mettersi a riposo completo per almeno 7-15 giorni, ragionando sulle cause.

spot_img