Juventus 23/24, tra morte e rinascita

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Fuori dalle coppe. Mercato intelligente ma in sordina. Allenatore e gruppo in fiducia. La Juventus 23/24 può puntare allo scudetto e trasformare le difficoltà della scorsa stagione in una nuova linfa per il futuro?

Alcuni giocatori della Juventus 23/24 FB Juventus

La Juventus mette Allegri al centro del progetto. Il reparto offensivo

A causa dei problemi con la giustizia di cui si è lungamente dibattuto qualche mese fa, la Juventus non affronterà le coppe europee. Cambiato il CDA, scelto il nuovo DS, Cristiano Giuntoli (fresco di scudetto con il Napoli) e rinnovati i vari esponenti manageriali. Una società rinnovata dalle fondamenta in cui, però, un punto fermo resta: Max Allegri. Il livornese ha rifiutato le ricche offerte provenienti dall’Arabia Saudita e la nuova direzione ha piena fiducia nel suo operato. D’altra parte, mentre sedeva lui in panchina sono arrivati cinque scudetti in cinque anni. L’allenatore è diventato il centro del progetto Juventus e le sue decisioni sono nette e incontestabili. Si veda l’esclusione di Bonucci dalla lista dei convocabili. Il difensore trentaseienne, ormai ex capitano dei bianconeri, è fuori dal progetto tecnico e, dunque, fuori rosa. La fascia passa a Danilo e il suo vice sarà Alex Sandro.

Il mercato non è ancora terminato e per questo la rosa non è ancora delineata con certezza. Il reperto che più ha acceso la discussione è sicuramente quello offensivo. Per loro la questione non è solo tecnica ma anche economica. Viste le questioni finanziarie, nessuno è realmente incedibile e proprio i due big davanti frutterebbero più entrate. Lo scambio Lukaku-Vlahovic sembrava quasi fatto finché il Chelsea non si è tirato indietro. La Juventus due anni fa ha creduto molto nel serbo che però ha mostrato il suo potenziale solo a tratti. Chissà che questa sarà l’annata giusta per lui? Anche per Chiesa sono arrivate alcune offerte ma per ora nessuno si è mosso concretamente. Riscattato e confermato anche Milik. L’arrivo di un’altra punta permetterebbe ad Allegri di sfruttare meglio anche il 4-3-3 con Fagioli, Rabiot e Locatelli al centrocampo. Il nome caldo, sfumato Zaniolo, è Berardi.

Bonucci e Vlahovic: due incognite della Juventus 23/24 Credits: sito ufficiale Juventus

Centrocampo e difesa hanno una struttura solida anche se giovane

Se dovesse arrivare un altro attaccante il reparto offensivo non avrebbe bisogno di rinforzi particolari, anzi. Ci sarebbe troppo affollamento così la Juventus, con la cessione di Chiesa o Vlahovic, potrebbe lavorare meglio sui conti ma a discapito della qualità. Il tesoretto raccolto dalla cessione è servito per il riscatto di Locatelli e Kean e l’acquisto di Timothy Weah. Figlio di quel Weah che ha incantato i tifosi del Milan. Con l’aggiunta di Miretti, Soulé, Iling, secondo Allegri pronti per scendere in campo, il reparto centrale ha una struttura portante solida. Anche se per loro c’è ancora la possibilità di andare in prestito. Un altro tassello importante è l’incognita Pogba. Con il viaggio in Arabia Saudita il francese si è allontanato dai riflettori ma alla fine è rimasto a Vinovo. Se tornasse in forma potrebbe fare la differenza ma, forse, sarebbe meglio vendere lui per far “quadrare i conti”.

Il modulo preferito da Max Allegri resta comunque il 3-5-2 perciò un ruolo importante lo ricoprono il già citato Weah e Kostic. A tenere in piedi la difesa bianconera ci sono Bremer, Danilo e Gatti. Tra i pali il solito Szczesny, nonostante la stagione non esaltante. Insomma, la rosa non ha subito una rivoluzione totale e la base è rimasta solida. È ancora presto per capire davvero quanto siano alte le possibilità della Juventus di essere davvero competitiva. Vedremo se alla fine si opterà per le plusvalenze o per tenere i più forti. Nel frattempo, i giovani saranno liberi di giocare senza pressione e crescere con serenità quest’anno. Vlahovic e Pogba avranno il tempo di risolvere i loro problemi fisici senza fretta o forse no? Comunque vada la mentalità Juventus è vincente per questo i bianconeri non possono far altro che puntare allo scudetto.

spot_img