EU Masters, i Karmine Corp nella leggenda

Ultime notizie

Group Stage: disastro Europa

I Group Stage dei Worlds sono finalmente giunti al...

MMA’s Lunch, cosa è successo tra McGregor e Facchinetti

Nell'appuntamento del lunedì di MMA's Lunch, in onda sul canale...

l’Olimpus Roma e i settori giovanili raccontati da Francesco Semeraro

In questa puntata del mercoledì di Futsal Arena ci...

Red Bull Half Court: la prima finale mondiale è al playground di San Lorenzo

A rappresentare l’Italia nel Red Bull Half Court due...

Share

Per la prima volta nella storia, gli EU Masters hanno lo stesso vincitore in entrambi gli split dell’anno. I Karmine Corp, squadra del LFL francese, creata dal celebre stream Kameto, sono riusciti nell’impresa. Dopo la pausa estiva, Studio League è tornato, con nuove ed entusiasmanti sorprese. Insieme a Francesco “Deugemo” Lombardo, Emanuele “Revilvage” Divella e Davide “Sotze” Di Guida, abbiamo parlato delle prodezze della squadra francese, buttando un occhio di riguardo anche sui Worlds in arrivo.

Karmine Corp, campioni EU Masters in entrambi gli split
Il roster dei Karmine Corp, freschi campioni d’Europa

EU Masters: il segreto dei Karmine Corp

I Karmine Corp sono una squadra con un seguito incredibile. Pur partecipando ad una ERL (campionato nazionale), e non ai LEC, la più alta competizione a livello europeo, la squadra creata da Kameto, ogni volta che gioca, attira su di sé numeri straordinari in termini di spettatori. Ma non ha fatto del pubblico la sua unica arma segreta. Il 2021 è stato decisamente il loro anno. In Francia, hanno conquistato lo Spring split e il secondo posto nel Summer. In Europa, invece, hanno dato prova di essere i migliori in assoluto. Hanno vinto l’EU Masters Spring Split, grazie anche alle prestazioni del giovane Adam, che hanno venduto ai Fnatic, dove ha conquistato il titolo di Rookie of the split. Cambiato il toplaner, non è cambiato il risultato.

L’innesto di Cabochard ha portato al team quel pizzico di esperienza in più per riconfermarsi sui grandi palcoscenici. Pur non portando più quelle prestazioni da schiacciasassi che li avevano contraddistinti nello split precedente, hanno scalato il tabellone, arrivando nuovamente al titolo, per la prima volta nella storia. Ed è così che la Francia e la LFL si candidano ad essere le ERL più importanti nella scena competitiva, dominando in tutto il 2021. Ne è una riprova il fatto che un team dello stesso campionato, Team BDS, sia stato in grado di investire nell’esport a tal punto da riuscire a comprare lo slot dello Schalke 04 in LEC. E pare, che con il non impossibile allargamento del massimo campionato, siano gli stessi Karmine Corp i più indiziati a guadagnare uno slot nel 2023.

Bracket Eu Masters, i Karmine Corp vincono di nuovo
La scalata dei Karmine Corp all’EU Masters

Worlds, arrivano i Play-in

La fine dell’EU Masters vuol dire solo una cosa, guardando il calendario delle competizioni in arrivo: è tempo di Worlds. Ogni anno, i migliori giocatori di League of Legends si danno battaglia nella più grande competizione di sempre: i Mondiali. Un mese di scontri mozzafiato che inizierà il 5 ottobre, concludendo la fase dei Play-in il 9 ottobre. I gruppi si giocheranno dall’11 al 13 e dal 15 al 18 ottobre, con i quarti che inizieranno il 22, fino al 25. Le due semifinali avranno luogo il 30 e il 31, e la Grand Final sarà, infine, il 6 novembre. Dai play-in saliranno quattro squadre, che si uniranno ai Gruppi per iniziare la competizione vera e propria.

Le estrazioni sono già avvenute, e sono anche iniziate le prime speculazioni su chi riuscirà ad andare più avanti. Se dai play-in sarà quasi scontato vedere uscire vincenti le squadre di Cina e Corea, LNG e Hanwha Life Esports, è tutto da vedere per quanto riguarda le altre due, dove Beyond Gaming e Cloud9 sembrano essere tra le favorite. Il sorteggio non ha sorriso a tutte le nostre rappresentati europee. I Rogue, terzo seed LEC, è finito nel peggior girone possibile, accanto agli ultimi due campioni del mondo: Damwon Kia e Fun Plus Phoenix. I Fnatic ripropongono un grande classico dei Groups, finendo ancora una volta insieme ai Royal Never Give Up, mentre i Mad Lions dovranno vedersela con Gen G e Team Liquid, rispettivamente secondo seed coreano e nordamericano.

spot_img