Il Mondiale non ferma il Boxing Day: storia di una tradizione british

Ultime notizie

Mondiali Sci: Fede Brignone è già oro. Combinata perfetta

La campionessa azzurra parte col botto. Subito vittoria nella...

Rugby Sei Nazioni, si inizia. Italia bella, ma vince la Francia

Come ogni anno, è ripartito il torneo con protagonista...

Snooker: Powell e Gradinari nuovi prodigi della stecca

Due talenti super-precoci, due teenager già professionisti, due futuri...

Il Newcastle sogna in grande: finale di EFL Cup e la voglia di tornare in Champions

Sopra Londra, Manchester e Liverpool nel nord est dell’Inghilterra...

Share

Il 26 torna la Premier League. Sì, anche quest’anno nonostante il Mondiale invernale ci sarà il Boxing Day. Una tradizione inglese alla quale i tifosi d’oltre manica non vogliono rinunciare

I tifosi del Southampton sulle tribune del St Mary's Stadium per il Boxing Day
I tifosi del Southampton sulle tribune del St Mary’s Stadium per il Boxing Day

La storia del Boxing Day

Letteralmente significa il “giorno della scatola” ed è una ricorrenza che in Europa risale al Medioevo o secondo altre fonti storiche, all’epoca tardo-romana. Le origini di questa ricorrenza non sono del tutto chiare, ma l’idea alla base era quella di donare qualcosa alle persone che ne avevano più bisogno. Nel Regno Unito venne istituita come festività ufficiale nel 1871 e il giorno del 26 dicembre, le cassette dell’offertorio venivano aperte nelle chiese e i latifondisti donavano ai lavoratori soldi e cibo per ringraziarli di quanto fatto durante l’anno. Col passare degli anni, tuttavia, divenne principalmente il giorno in cui i lavoratori si dedicavano al gioco del calcio, in principio a livello amatoriale e poi (a partire dal 1888) a livello professionistico con la nascita della First Division.

La prima partita ufficiale nella storia del calcio si giocò proprio nel Boxing Day del 1860 e si affrontarono i due club calcistici più vecchi al mondo: lo Sheffield FC e l’Hallam FC.
Inizialmente ci si sfidava in match di andata e ritorno tra il 25 e il 26 dicembre, ma dal 1958 in poi giocatori, allenatori e arbitri ottennero il permesso di passare almeno il Natale in famiglia. Nel Regno Unito è una data importante anche per il rugby e l’ippica. In Italia, invece, si è tornati a giocare in questo giorno per il campionato 2018/19, e l’unica volta risaliva al 1977, ma l’anno successivo è stata ristabilita la vecchia sosta natalizia.

La prima pagina di un giornale britannico dopo il Boxing Day del 1963
La prima pagina di un giornale britannico dopo il Boxing Day del 1963

26 dicembre 1963, il Boxing Day iconico: 66 gol in 10 partite

Il Boxing Day è uno tra gli eventi sportivi più attesi dagli appassionati di calcio inglesi e non solo. Quello del 1963 resterà per sempre nella storia. Ben 66 gol in 10 partite, numero che sarebbe potuto essere ancora molto più rotondo, perché una partita di quel turno (Birminghan-Arsenal, finita poi 4-1) venne fu rinviata al 28 dicembre. Il risultato più incredibile fu quello del Fulham che in casa batté per 10-1 l’Ipswich Town. Pesantissima era stata anche la sconfitta del Manchester United, che dopo qualche anno vinse per la prima volta la Coppa dei Campioni.

I Red Devils persero 6-1 in casa del Burnley. Mentre il Chelsea, che era una neopromossa, vinse 5-1 in casa del Blackpool. Roboanti i pareggi tra West Bromwich e Tottenham (4-4) e WolverhamptonAston Villa (3-3). L’unica partita con poche marcature fu Leicester-Everton: le Foxes si imposero per 2-0. Ben tre calciatori misero a referto un poker: Lochhead del Burnley, Leggat del Fulham e Hunt del Liverpool. I risultati: Blackpool-Chelsea 1-5, Burnley-Manchester United 6-1, Fulham-Ipswich 10-1, Leicester-Everton 2-0, Liverpool-Stoke City 6-1, Nottingham Forest-Sheffield United 3-3, Sheffield Wednesday-Bolton 3-0, West Bromwich-Tottenham 4-4, West Ham-Blackburn 2-8, Wolverhampton-Aston Villa 3-3.

Nathan Akè esulta dopo il gol realizzato contro il Liverpool
Nathan Akè esulta dopo il gol realizzato contro il Liverpool

Il programma della Premier League

Il calcio inglese non si ferma mai. Tre giorni fa le squadre sono scese in campo per gli ottavi di finale della Carabao Cup. A Santo Stefano il tanto atteso Boxing Day. Sono 7 i match in programma. Apre le danze il Tottenham di Conte che farà visita al sorprendente Brentford (13.30). Alle 16 si arricchisce il palinsesto con Crystal Palace-Fulham, Everton-Wolverhampton, Leicester-Newcastle e Southampton-Brighton. Chiudono la giornata Aston Villa-Liverpool alle 18.30 e alle 21 Arsenal-West Ham.

Derby di Londra in serata con i ‘Gunners’ che sono chiamati a difendere il primato in classifica. Il City, che ha battuto la squadra di Kloop giovedì in Coppa, affronterà il Leeds il 28 dicembre (21.00). Mentre il 27 giocheranno Chelsea-Bournemouth e Manchester United-Nottingham Forest. Rispettivamente alle 18.30 e alle 21. Vietato prendere impegni per questi giorni. I campionati stanno tornando dopo l’emozionante Mondiale in Qatar.

spot_img