Come procede l’avventura di Paola Egonu in Turchia e quando torna in Nazionale?

Ultime notizie

LEC, via alla Season 2023

La competizione europea di League of Legends è finalmente...

Sport, rincari e pandemia: buone e cattive notizie

Lo sport è stato tra i primi a risentire...

Mikaela Shiffrin nell’Olimpo dello sci. Come lei nessuno mai

L’Americana supera Lindsey Vonn e sigla il record di...

Share

Paola Egonu, l’opposto 23enne della Nazionale italiana è alla prima stagione lontana dall’Italia. Da quest’anno gioca infatti al VakifBank Istanbul di Giovanni Guidetti.

Paola Egonu con la maglia del club turco del Vakifbank. Ph. Credit: VakifBank

Paola Egonu, il primo anno da avversaria di Conegliano

Le lacrime che, durante il Mondiale, rigavano il viso di Paolo Egonu hanno lasciato spazio a un ritrovato sorriso made in Turchia. A Istanbul l’italiana è rinata e si sta godendo una nuova fase della sua carriera.

L’azzurra, 23 anni, è infatti alla prima stagione lontano dall’Italia e senza la maglia di Conegliano. Con il club veneto ha vinto praticamente tutto. Dopo essersi formata a Club Italia dalla stagione 2017 è arrivata all’Imoco. Nei suoi anni in Veneto ha messo in bacheca tutto quello che poteva vincere: 2 scudetti, 5 Coppa Italia, 4 Supercoppa Italiana e 1 mondiale per Club. Ha poi portato a casa l’oro agli Europei del 2021 e il bronzo ai Mondiali del 2022 con la maglia dell’Italia.

Lo scorso anno le sirene turche erano già arrivate alla sua corte con una proposta dal Fenerbahce. L’opposto italiano aveva però declinato l’offerta. Non è riuscita a farlo quando si è presentato il VakifBank, una delle squadre più titolate di sempre che la passata stagione ha battuto proprio l’Imoco nella finale del Mondiale per club. Determinante che alla guida del club ci sia l’italiano Giovanni Guidetti che tanto potrà dare alla sua formazione.

Attualmente il suo club, impegnato in settimana nel Mondiale, è secondo in classifica alle spalle dell’Eczacıbaşı Vitra. La Egonu si è perfettamente ambienta: nell’ultimo match, il derby con il Galatasarai, ha messo a referto 29 punti, top scorer del match. Stesso esito all’esordio in Champions con 17 palloni a terra.Sarà anche cambiata la squadra ma rimane immutata la sua classe.

Paola Egonu con la maglia della Nazionale. Ph. Credit: Galbiati/Fipav

Quando rivedremo l’azzurra in Nazionale?

La cosa più importante era che l’opposto ritrovasse un po’ di serenità. Il peso di essere una delle più forti e più note a livello italiano si è fatto sentire, con un crollo dopo la finale per il bronzo (poi vinta) al Mondiale 2022 (a cui si aggiungono frasi razziste e insulti a suo carico).

Proprio in quell’occasione l’azzurra aveva manifestato l’idea di prendersi una pausa della Nazionale.

La prossima stagione saranno due gli impegni importanti: la VNL (dal 6 giugno), con l’Italia chiamata a difendere il titolo vinto quest’anno e gli Europei in partenza il 15 agosto e organizzati da Italia e Belgio. Dopo il sorteggio del girone il C.T Mazzanti (che non è detto rimanga) non si è sbilanciato.

A Sky sport ha detto: “Dobbiamo valutare tante cose, stiamo programmando tutto, vediamo…“. Più rassicurante il commento del numero uno della FIPAV Giuseppe Manfredi:Nessuno mette in dubbio Paola, era in un momento di stanchezza e ha detto fermiamoci un attimo. È nata nel club Italia, con la maglia azzurra, lei a voglia di venire. A mio avviso il problema non esiste”.

Parole che danno certezze ma che dovranno essere seguite dai fatti. Bisognerà capire le valutazioni del C.T ma anche quale sarà davvero la volontà della giocatrice.

spot_img