Venus Williams non vuole fermarsi: parteciperà al torneo di Auckland

Ultime notizie

LEC, via alla Season 2023

La competizione europea di League of Legends è finalmente...

Sport, rincari e pandemia: buone e cattive notizie

Lo sport è stato tra i primi a risentire...

Mikaela Shiffrin nell’Olimpo dello sci. Come lei nessuno mai

L’Americana supera Lindsey Vonn e sigla il record di...

Share

La tennista americana Venus Williams, ferma dagli US Open 2022, tornerà in campo all’inizio del 2023 disputando il torneo di Auckland per preparare l’Australian Open. In entrambi gli eventi gli organizzatori le hanno concesso una wild card

Venus Williams

Venus di nuovo in campo. E sembra voler fare sul serio

Il ritiro di Serena, la più giovane delle sorelle Williams, arrivato dopo la sconfitta nel terzo turno degli US Open 2022, sembrava aver messo fine alla storia delle due sorelle del tennis più vincenti di sempre. Invece Venus Williams, a 42 anni, non ha ancora voglia di appendere la racchetta al chiodo. La vincitrice di sette titoli nei tornei dello Slam parteciperà alla trasferta australiana che aprirà la stagione 2023. Gli organizzatori dell’ASB Classic, evento della categoria WTA 250 che si giocherà a Auckland, le hanno infatti concesso una wild card per il tabellone principale: Non vedo l’ora di giocare il mio primo torneo della stagione a Auckland – ha dichiarato la campionessa americana – sono felicissima di poter competere lì”. Finalista all’esordio nel 2014 e vincitrice nel 2015, Venus parteciperà per la sesta volta all’ASB Classic, torneo annullato nel 2021 e 2022 per le questioni legate al COVID-19.

Il torneo neozelandese servirà a Venus per prepararsi al primo major della nuova stagione. La più grande delle Williams ha infatti ricevuto una wild card anche per lo Slam che partirà a Melbourne il prossimo 16 gennaio. Nonostante sia scesa fino al numero 1000 – nel Ranking WTA di fine 2022 era numero 1010 – della classifica mondiale, la cinque volte campionessa di Wimbledon in singolare sembra quindi intenzionata a proseguire una carriera lunga ormai più di un quarto di secolo (nel 1997 la prima finale Slam, agli US Open). In caso di una – improbabile ma non impossibile – vittoria a Auckland, diventerebbe la giocatrice con il Ranking più basso di sempre a conquistare un titolo WTA. Attualmente il primato appartiene ad Angelique Widjaja, vincitrice a Bali, nel 2001, da numero 579 della classifica mondiale.

Venus Williams
Autore: Justin Lane
Copyriht: ANSA

L’ennesimo rientro nel circuito. Nonostante la Sindrome di Sjogren

Quello del 2023 sarà l’ennesimo ritorno per Venus. La giocatrice statunitense era già stata ferma dall’agosto del 2021 fino al giugno del 2022, quando aveva deciso di iscriversi al tabellone di doppio misto a Wimbledon. Dopo 12 mesi, era tornata a disputare un match di singolare nel torneo di Washington, e aveva proseguito l’estate americana iscrivendosi anche a Toronto, Cincinnati e US Open. Sconfitta sempre al primo turno, aveva chiuso a New York la sua annata tennistica. Del resto, è da diversi anni che Venus è abituata ad alternare periodi di attività ad altri di assoluto riposo. Nel 2011 le è stata diagnosticata la Sindrome di Sjogren, malattia autoimmune che causa affaticamento e dolori muscolari, e in alcuni periodi rende difficile anche lo svolgimento delle più normali azioni quotidiane, come alzarsi dal letto.

Nonostante le difficoltà, Venus nel 2017 era tornata, a 37 anni, a giocare una stagione di altissimo livello. Finalista all’Australian Open, a Wimbledon e alle WTA Finals, e semifinalista agli US Open, aveva concluso l’anno al numero 5 del Ranking WTA, dimostrando di essere in grado di contrastare i problemi fisici grazie a un talento straordinario. Quel talento che a 21 anni (era il febbraio del 2002) le aveva permesso di raggiungere la vetta della classifica mondiale dopo essere già stata nominata WTA Player of the Year nel 2000. Sarebbero poi arrivate tantissime vittorie, ma anche tanti momenti difficili da cui dover ripartire senza farsi sopraffare dalle avversità. Venus non vuole ancora fermarsi. Ci riprova: e se ci è riuscita tante altre volte, è giusto darle una chance anche in questo 2023. A Melbourne giocherà il suo Slam numero 92. L’ennesimo record di una carriera fenomenale.

spot_img