Venezia Montecarlo: torna la regina del Mediterraneo, emblema della sinergia tra sport ed economia

Ultime notizie

Coppa del mondo di sci, bene solo le azzurre

Slalom gigante, Marta Bassino sfiora il trionfo a Killington,...

Iran-Usa: un gol può portare la pace?

Una partita che va oltre lo sport, l’agonismo e...

Apoteosi Canada: Coppa Davis conquistata

Le foglie d’acero vincono per la prima volta la...

Beach Volley, Lupo – Rossi: che esordio in Australia

In Australia è il corso l'ultima Challenge del Beach...

Share

L’economia che alimenta lo sport. Lo sport che sostiene l’economia. Il rapporto è reciproco e sempre più forte. Ne è esempio la Venezia – Montecarlo, gara motonautica regina del mare e la più famosa del Mediterraneo. Ritorna con una formula rinnovata e apertura ai natanti a partire dai 7 metri con una doppia motorizzazione ed una velocità minima di crociera di 30 nodi.

Tutto torna, quando è stato bello. Così l’Associazione Motonaurica e Assonautica Venezia tornano ad agire insieme per una nuova sfida. Il ritorno della gara motonautica Venezia Montecarlo, a 33 anni dalla prima edizione.
Era il 1990 quando la Venezia Montecarlo si realizza per la prima volta, inventata da appassionati campioni offshore come Renato Della Valle e Alberto Smania.
Una storia nella storia della motonautica, un brand che richiama l’eccellenza d’Italia.Così Giovanni Malagò, Presidente del Coni. Un evento unico che da sempre fa tendenza.

La Venezia-Montecarlo è una grande gara di altura a tappe, tra le più difficili e lunghe al mondo. sull’esempio del Giro d’Inghilterra. Una formula per coinvolgere i cantieri a partecipare con barche di serie e sostenere la blue economy. Infatti, i fondatori erano poco interessati all’evoluzione tutta catamarani, velocità e gare sotto costa dell’offshore. Così riportarono in auge i monocarena sul loro terreno più consono. I 45 scafi arrivati a Montecarlo il primo anno sottolineano il grande entusiasmo che si era creato attorno a questo evento. Causa crisi economica è stato poi rivisto e un po’ abbandonato. Per questo mai proseguito in modo continuo.

Quest’anno torna ma necessita di un test. Si conta che vengano iscritte 100 imbarcazioni al via ma ci sono difficoltà organizzative e logistiche dovute agli 8000km di costa sui quali si snoda. Si pensa che possa essere fatta una prima gara nel 2023 su tre tappe: Cervia, Ancona e Rodi Garganico passando per le Isole Tremiti. Fatto il test
di 300 miglia e messa a punto ogni cosa, si punta alla gara completa nel luglio del 2024. Protagonisti di questo grande ritorno il pluricampione 2 volte medaglia d’Oro nazionale al valore sportivo Giampaolo Montavoci, Presidente Commissione Offshore della Federazione Italiana Motonautica nonché dell’Associazione Motonautica Venezia. E Marino Masiero Presidente di Assonautica Venezia, Vice Presidente nazionale di
Assonautica Italiana ed imprenditore nautico.

In effetti la gara diventa esempio della vicinanza tra sport, istituzioni, economia. La Venezia-Montecarlo è simbolo della sinergia tra le diverse Istituzioni politico economiche e sportive coinvolte: il Coni, la Federazione Italiana di Motonautica, la   Federazione Motonautica Monegasca, la UIM (Union Internationale Motonatique), la Lega Navale, i Cantieri. Infatti il supporto alla dimensione marittima italiana è un imperativo della gara che promuove la blu economy, riportando in alto lo sport nautico.



spot_img