Venezia Montecarlo: torna la regina del Mediterraneo, emblema della sinergia tra sport ed economia

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

L’economia che alimenta lo sport. Lo sport che sostiene l’economia. Il rapporto è reciproco e sempre più forte. Ne è esempio la Venezia – Montecarlo, gara motonautica regina del mare e la più famosa del Mediterraneo. Ritorna con una formula rinnovata e apertura ai natanti a partire dai 7 metri con una doppia motorizzazione ed una velocità minima di crociera di 30 nodi.

Tutto torna, quando è stato bello. Così l’Associazione Motonaurica e Assonautica Venezia tornano ad agire insieme per una nuova sfida. Il ritorno della gara motonautica Venezia Montecarlo, a 33 anni dalla prima edizione.
Era il 1990 quando la Venezia Montecarlo si realizza per la prima volta, inventata da appassionati campioni offshore come Renato Della Valle e Alberto Smania.
Una storia nella storia della motonautica, un brand che richiama l’eccellenza d’Italia.Così Giovanni Malagò, Presidente del Coni. Un evento unico che da sempre fa tendenza.

La Venezia-Montecarlo è una grande gara di altura a tappe, tra le più difficili e lunghe al mondo. sull’esempio del Giro d’Inghilterra. Una formula per coinvolgere i cantieri a partecipare con barche di serie e sostenere la blue economy. Infatti, i fondatori erano poco interessati all’evoluzione tutta catamarani, velocità e gare sotto costa dell’offshore. Così riportarono in auge i monocarena sul loro terreno più consono. I 45 scafi arrivati a Montecarlo il primo anno sottolineano il grande entusiasmo che si era creato attorno a questo evento. Causa crisi economica è stato poi rivisto e un po’ abbandonato. Per questo mai proseguito in modo continuo.

Quest’anno torna ma necessita di un test. Si conta che vengano iscritte 100 imbarcazioni al via ma ci sono difficoltà organizzative e logistiche dovute agli 8000km di costa sui quali si snoda. Si pensa che possa essere fatta una prima gara nel 2023 su tre tappe: Cervia, Ancona e Rodi Garganico passando per le Isole Tremiti. Fatto il test
di 300 miglia e messa a punto ogni cosa, si punta alla gara completa nel luglio del 2024. Protagonisti di questo grande ritorno il pluricampione 2 volte medaglia d’Oro nazionale al valore sportivo Giampaolo Montavoci, Presidente Commissione Offshore della Federazione Italiana Motonautica nonché dell’Associazione Motonautica Venezia. E Marino Masiero Presidente di Assonautica Venezia, Vice Presidente nazionale di
Assonautica Italiana ed imprenditore nautico.

In effetti la gara diventa esempio della vicinanza tra sport, istituzioni, economia. La Venezia-Montecarlo è simbolo della sinergia tra le diverse Istituzioni politico economiche e sportive coinvolte: il Coni, la Federazione Italiana di Motonautica, la   Federazione Motonautica Monegasca, la UIM (Union Internationale Motonatique), la Lega Navale, i Cantieri. Infatti il supporto alla dimensione marittima italiana è un imperativo della gara che promuove la blu economy, riportando in alto lo sport nautico.



spot_img