Tempo di Nazionali per il volley. Velasco: “Non create obbligatorietà di vittoria”

Ultime notizie

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

MotoGP, Marquez e Acosta in gran forma nei test di Valencia

I test della MotoGP a Valencia mostrano immediatamente un...

Share

Presentata a Milano l’imminente stagione azzurra del volley. Le Nazionali italiane maschili e femminili scenderanno in campo subito con la VNL dopo le vittorie del 2022 e Velasco avverte: “Nessuna aspettativa per non creare pressione“.

Julio Velasco
Julio Velasco, fino a settembre responsabile del settore giovanile maschile

Banco di prova per le squadre azzurre. Velasco fa una richiesta

A capo della Nazionale femminile e di quella maschile ci sono rispettivamente Davide Mazzanti e Ferdinando de Giorgi eppure non bisogna dimenticarsi anche di Julio Velasco. L’allenatore della generazione di fenomeni, fino all’uno settembre sarà ancora responsabile del settore maschile juniores poi intraprenderà la sua avventura da head coach di Busto. L’esperto allenatore ha lanciato un appello rivolgendosi soprattutto a media e stampa. I successi azzurri a livello seniores ma anche giovanile non devono creare ulteriori pressioni in una stagione complessa con Europei e torneo di qualificazione olimpica.

“Chiederei gentilmente alla stampa di non far passare l’idea che l’Italia sia obbligata a vincere. Se riuscissimo a fare questo penso che potremmo dare un sostanziale aiuto a tutte le s quadre. Abbiamo grande entusiasmo per migliorarci tutti. La FIPAV ha appoggiato ogni mia richiesta. Abbiamo il dovere di creare entusiasmo e non l’obbligatorietà della vittoria. Il calendario di quest’anno è molto fitto, è vero. Noi del settore giovanile abbiamo un problema da gestire. Spesso i migliori giocatori delle nazionali giovanili infatti fanno una vita più stressante rispetto a quella dei professionisti. Il giovane va a scuola, deve studiare, ha ripetizioni, è sempre e comunque sotto pressione, giocando tanto e non avendo quasi mai un giorno libero. I nostri ragazzi devono avere il tempo che un adolescente ha bisogno di avere

Davide Mazzanti
Davide Mazzanti, C.T dell’Italvolley femminile

Si parte dalla VNL, le scelte di Mazzanti e De Giorgi

Oltre i giovani anche le squadre senior avranno il loro da fare. Basti pensare che già il 7 maggio (con i playoff scudetto e quelli per le coppe al maschile e femminile, in corso) partono i primi collegiali in vista della VNL. La squadra di coach Mazzanti, dopo la Volleyball Nations League scenderà in campo per gli Europei, in Italia e in Belgio (dal 15/08 al 03/09) e a settembre per torneo di qualificazione Olimpica in Polonia. Al femminile due i nomi che spiccano nelle liste della 30 (poi per ogni tappa saranno 14 i convocati): Paola Egonu ed Ekaterina Antropova. Quest’ultima da qualche settimana è ufficialmente italiana: “Tra le convocate c’è Ekaterina Antropova che questa estate lavorerà con noi, la ragazza ha una gran voglia di giocare con l’Italia ed è entusiasta di vestire per la prima volta la maglia azzurra – mentre su Egonu – È una novità degli ultimi giorni, avevamo già parlato al Mondiale, per ora ci siamo confrontati solo sugli aspetti tecnici”. Non si sbilancia l’allenatore e non dà adito a polemiche sull’opposto che partita da titolare.

La squadra maschile, campione del Mondo in carica, giocherà la VNL, Europei in Italia e Bulgaria (dal 28/08 al 16/09) e infine a ottobre il toreo preolimpico in Brasile. Tanti, come sempre, i giovani scelti da De Giorgi. Ci sono Bovolenta Junior, Porro, Gardini e ancora Bottolo Guzzo, Sala o Rinaldi.Il nostro obiettivo è chiaramente quello di arrivare alle finali dell’europeo a Roma. Dovremo continuare ad essere umili come lo siamo stati nelle stagioni scorse. Dovremo avere però la consapevolezza che siamo un gruppo competitivo e con ancora tanti margini di crescita. Quest’anno saranno tante le sfide da vincere e sicuramente non ci annoieremo. Come al solito daremo il massimo per rendere orgoglioso il nostro Paese”.

spot_img