I T1 trionfano in LCK: perfect split e record

Ultime notizie

Wimbledon: i favoriti senza punti in palio da difendere

L’ATP Tour l’aveva deciso: “No ai tennisti russi e...

Yoga: un viaggio interiore

Lo yoga è una pratica molto diffusa oggi, ma...

Sincro da 10 e lode: medaglia di bronzo e nuovo record

E' la prima medaglia nella specialità a squadre per...

Il nuovo ruolo del portiere: evoluzione o involuzione?

Nel mondo del calcio, in più di mezzo secolo,...

Share

Faker e compagni incidono nuovamente i propri nomi a fuoco nella storia di League of Legends: i T1 sono il primo team ad aver completato uno “split perfetto”, con l’incredibile risultato di 18-0. Solo i FNATIC ci riuscirono nel 2015, ma in un formato diverso, nel quale ogni vittoria corrispondeva ad una singola partita giocata. Il team coreano ha invece completato un “perfect split” nel formato Bo3 (“best of three”), con un totale di 36 partite vinte e 7 perse.

I T1 da record sul tetto della Corea

Il perfect split con record annesso era a portata già da qualche settimana e i T1, capitanati da un inossidabile Faker, fiutavano la possibilità di scrivere la storia. Vittime sacrificali dell’ultima serie sono stati i DRX, che si sono trovati nella scomoda posizione di esser gli unici a poter fermare questa incredibile striscia di vittorie, con la possibilità di mettere fine al sogno dello split perfetto. Con un tempo effettivo di gioco di circa 50 minuti, i T1 hanno chiuso la questione, coronando l’ambizione di rimanere imbattuti, con un Faker in gran spolvero che nell’ultima partita ha regalato spettacolo sfoggiando il suo Veigar mid, mai usato dall’inizio dello split.

Il record è servito. I T1 si sono quindi assicurati la vetta della classifica della regular season e l’accesso come super favorita direttamente alle semifinali dei playoff. Il 23 marzo inizieranno i playoff LCK e sarà compito di Faker e compagni consacrarsi come team più forte della Corea, battendo l’agguerrita concorrenza in quello che è considerato il campionato più competitivo e difficile al mondo. Considerando il rebranding del 2019, sarebbe per i T1 il secondo titolo LCK. Ricordiamo come prima del 2019, con il nome SKT1, Faker e compagni siano stati gli unici ad aver vinto più di un mondiale, con 3 titoli Worlds all’attivo. Successivamente, con il cambio di roster e il rebranding, sembrava che la competitività fosse calata, soprattutto dopo la clamorosa manca qualificazione al mondiale, ma questo inizio stagione ha fatto esaltare tutti i fan dei T1 e di Faker.

Perfect split e record: sono i T1 la squadra da battere?

Il perfect split dei T1 è un record storico e quindi è giusto interrogarsi se siano proprio loro a questo punto la squadra da battere quest’anno. C’è però da considerare come questo risultato sia stato ottenuto nella prima fase della stagione competitiva, in una situazione di emergenza Covid in Corea. Questo ha condizionato il regolare svolgimento delle partite, forzando tanti team a modificare i roster, con il conseguente abbassamento generale del livello di gioco. D’altro canto i T1 sono stati per tutta la stagione assolutamente impeccabili sotto ogni punto di vista, lasciando poco o niente agli avversari. Inoltre è da sottolineare come il team sia giovanissimo: tralasciando il veterano Faker, il quale ha 25 anni, nessuno degli altri quattro componenti Zeus, Oner, Gumayusi e Keria supera i 20 anni di età.

Già dai playoff, si potranno fare valutazioni più attendibili sulla reale forza e competitività di questo team. Tra le sei squadre che si contenderanno il titolo LCK ci sono alcuni dei team più forti al mondo, con menzione speciale per i DMW KIA, vincitori dei Worlds 2020 e finalisti nel 2021, e i GEN.G, che con l’acquisto di Chovy sono più agguerriti che mai. Chi risulterà vincitore avrà inoltre la possibilità di accedere all’MSI, torneo di metà stagione che quest’anno si svolgerà in Corea, nel quale avrà la possibilità di competere con i rispettivi vincitori degli altri campionati internazionali. Solo a quel punto si potranno fare delle previsioni veritiere in vista dei Worlds 2022, il torneo più ambito ed importante che chiuderà la stagione. L’unica cosa certa è che i T1 hanno mandato un messaggio: loro ci sono e quest’anno non hanno intenzione di conoscere la parola sconfitta.

spot_img