Qatar-Sorpresa, il Mondiale dello stupore

Ultime notizie

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

MotoGP, Marquez e Acosta in gran forma nei test di Valencia

I test della MotoGP a Valencia mostrano immediatamente un...

Arnau Brugues-Davi e quel record ormai dimenticato

Vent'anni fa la prima vittoria ufficiale in un match...

Share

Il Marocco in finale. Il Camerun che batte il Brasile. La Croazia in semifinale con l’Argentina. Il Mondiale in Qatar è un torneo che ha fatto discutere sia prima che durante.

Tra exploit e sorprese è il Mondiale delle Nazionali asiatiche e africane

Prima durante e dopo. Sicuramente anche il dopo farà discutere il Mondiale in corso in Qatar. Tantissimi sono stati i temi extra calcistici al centro delle polemiche prima che iniziassero le partite. Continua a stupire anche dopo il fischio d’inizio. Anzi forse anche di più. La sorpresa è in campo. Infatti, se è vero che il calcio è una lingua universale parlata in tutto il mondo, c’è sicuramente un epicentro di questo sport, che è sì globale ma più dominato da Nazionali europee e sudamericane. Eppure Qatar 2022 sembra aver spostato quell’epicentro. I mondiali in corso hanno registrato per la prima volta quattro squadre provenienti da Asia e Africa qualificate agli ottavi, numero che sale a cinque se si include l’Australia, che fa parte dell’Asian Football Confederation.

Oltre all’approdo alla fase a eliminazione diretta ci sono da registrare dei risultati storici, come il successo per 1-0 del Camerun contro il Brasile, prima squadra africana a battere la Selecao.
Ancora in corsa il Marocco, n.22 del ranking Fifa, che ha battuto 2-0 il Belgio, n.2 e poi la Spagna ai rigori agli ottavi. E ancora, la sorpresa Arabia Saudita uscita nella fase a gironi ma dopo aver battuto all’esordio l’Argentina di Messi 2-1. Infine la Tunisia, 1-0 nel gruppo D i campioni del mondo in carica della Francia. E ancora, il Giappone che batte in rimonta 2-1 la Germania, stesso score per la Corea del Sud con il Portogallo. Questi risultati sorprendenti hanno portato a semifinali sorprendenti. Iniziano stasera e vedranno impegnate l’Argentina contro la Croazia e la Francia contro il Marocco. Da questi poker di semifinalisti i valori pendono in favore di una finale che vede protagoniste la Francia contro l’Argentina. Ma di solito non c’è nulla.

Qatar 2022: semifinali a sorpresa

Infatti già per la prima semifinale ci si aspettava il superclasico tra Argentina e Brasile. A sfidare Messi ci sarà invece la Croazia di Modric. Un colpo di scena anche perché i ragazzi di Dalic sembravano aver dato il meglio quattro anni fa, quando in Russia si fermarono solo al cospetto della Francia, in finale. Ma considerare solo i valori tecnici in una competizione breve come il Mondiale è da pivelli. Contano troppo sia cuore che orgoglio. Così, benché la squadra sia meno forte del 2018 (all’epoca il centravanti era Mandzukic) ma trascinati da un vincente Modric, hanno superato i gironi con Marocco e Belgio. Poi, anche grazie al trio Brozovic, Perisic, Kovacic e alle parate di Livakovic, si sono affidati ai rigori sia col Giappone che con il Brasile. L’Argentina è sempre in forma. Non stupisce il punto dove è arrivata. Ha sorpreso piuttosto l’inizio con sconfitta contro l’Arabia Saudita. Nel 2018 comunque lo stesso match finì 3 – 0 per i croati con Messi in lacrima sotto lo sguardo attonito di Maradona.

L’altra semifinale è un inedito assoluto e una storia che va oltre lo sport. Il Marocco era un protettorato francese. Alla fine del 19esimo secolo il Marocco è soggiogato dalla Francia, a quei tempi in grande espansione coloniale. Nel 1956 otterrà l’indipendenza. Oggi i capi del governo sono in grande sintonia. Dal punto di vista etnico c’è grande scambio interculturale. Insomma storicamente c’è un rapporto di amore e odio. E sul campo? Le due squadre sono agli antipodi. La prima è campione del mondo in carica. Il calcio offensivo e favoloso dei francesi che non temono nessuno. Dall’altra parte però il cuore e l’orgoglio dei marocchini che dopo questo sogno in Qatar vogliono andare fino in fondo. E il calcio lo insegna: il fattore emotivo vale tanto. Una sfida storica, calcistica, geografica. Una semplice partita.
Che vinca il migliore.

spot_img