Nella palestra South Bay Fitness si pratica la “box”

Ultime notizie

Wimbledon: i favoriti senza punti in palio da difendere

L’ATP Tour l’aveva deciso: “No ai tennisti russi e...

Yoga: un viaggio interiore

Lo yoga è una pratica molto diffusa oggi, ma...

Sincro da 10 e lode: medaglia di bronzo e nuovo record

E' la prima medaglia nella specialità a squadre per...

Il nuovo ruolo del portiere: evoluzione o involuzione?

Nel mondo del calcio, in più di mezzo secolo,...

Share

La palestra South Bay Fitness, in California, riapre seguendo le linee guida anti-Covid. La struttura ha introdotto dei box in plastica per permettere agli atleti di allenarsi rispettando il distanziamento sociale; un esempio di ingegno e capacità di adattamento che permette di praticare il fitness quotidiano in modo più sostenibile.

Una palestra per allenarsi (in sicurezza)

Stiamo ammirando una performance alla Biennale d’Arte di Venezia? Oppure ci troviamo sul set dell’ultimo film di fantascienza di Ridley Scott? Nulla di tutto questo; anzi meglio. Siamo a Redondo Beach, località californiana il cui solo nome riesce ad evocare i paesaggi urbani con palme e sole al tramonto. Così come l’Italia, anche lo Stato dell’ex governatore Arnold Schwarzenegger sta allentando le norme anti-Covid. Le strutture si adattano alle regole del distanziamento sociale per offrire maggiore sicurezza.

“In quanto allenatori saremo qui ad ogni passo per assicurarvi miglioramenti e tenervi in forma con le giuste attività”. Questa la mission che Peet Sapsin, titolare della palestra nonché membro certificato NASM (National Academy of Sports Medicine), affida a Instagram. Oltre al gel disinfettante e al controllo della temperatura, la gym californiana South Bay Fitness ha messo a punto misure precauzionali un po’ bizzarre ma sicuramente efficaci nella loro disarmante semplicità. In tre giorni, grazie a Peet e al suo staff, la palestra californiana si è dotata di nove box in plastica formati da tubi e tende da doccia. L’espediente garantisce una privacy quasi completa che permette di allenarsi in sicurezza senza che le goccioline di disperdano nell’ambiente.

Rilanciare le palestre è possibile

Reduce da tre mesi di chiusura, il giovane personal trainer ammette: “È stata dura, non eravamo sicuri di poter riaprire di nuovo”. Certo, l’ingombro fisico dei box ha dimezzato il flusso degli avventori e implica la necessità di una costante sanificazione. Tuttavia, nonostante alcune parti della palestra come idromassaggio e sauna siano ancora off-limits, il posto è garantito a tutti i tesserati grazie alla possibilità di prenotare uno slot. E, se non ci si sentisse ancora pronti per il rientro in sala pesi, si può continuare a mettere su muscoli e perdere peso seguendo le lezioni su Zoom.

In Italia palestre e piscine hanno riaperto il 25 maggio – tranne che nella Regione Lombardia, la quale preferisce attendere almeno fino al 31 luglio per evitare lo scoppio di nuovi focolai. Chissà che anche da noi non si prenda esempio dal South Bay Fitness. Queste piccole conquiste di “normalità” sono foriere di grandi cambiamenti. Ecco perché l’ingegno di Peet ha l’opportunità di stimolare la comunità a conquistare un rinnovato ritmo quotidiano. E visto che una palestra gremita di persone non piace proprio a tutti, perché non tenere i box anche in futuro?

spot_img