Nitto ATP Finals, parte la corsa al titolo finale. Storia e favoriti del torneo

Ultime notizie

Coppa del mondo di sci, bene solo le azzurre

Slalom gigante, Marta Bassino sfiora il trionfo a Killington,...

Iran-Usa: un gol può portare la pace?

Una partita che va oltre lo sport, l’agonismo e...

Apoteosi Canada: Coppa Davis conquistata

Le foglie d’acero vincono per la prima volta la...

Beach Volley, Lupo – Rossi: che esordio in Australia

In Australia è il corso l'ultima Challenge del Beach...

Share

L’ultimo atto della lunga stagione tennistica passa dalle Nitto ATP Finals che per il secondo anno di fila avranno luogo a Torino (13 – 20 novembre). A parteciparvi i migliori otto tennisti del singolare e le migliori otto coppie del doppio che hanno ottenuto il pass grazie alla race.

Le coppe delle Nitto ATP Finals – Ph. Credit: Federtennis

La storia delle ATP Finals

Solo i migliori otto al Mondo si guadagnano la possibilità di giocare l’ultimo torneo dell’anno. L’accesso alle Nitto ATP Finals dipende dal posizionamento della Race, che differenza del ranking, si basa solo sui risultati e sui punti ottenuti nell’anno solare. Ogni anno la classifica viene azzerata e in base a quanto fatto nei 365 giorni si determina un ranking parallelo a quello ufficiale.

Negli anni il torneo ha anche cambiato spesso casa. Torino si è aggiudicata l’evento, secondo per importanza solo agli Slam, per 5 anni, fino al 2025. In passato sono state 16 le sedi diverse (prima del capoluogo piemontese, Londra) e il torneo ha avuto luogo su qualsiasi superficie fatta eccezione per la terra rossa.

Una manifestazione di fine anno c’è sempre stata, già sotto primo direttore dell’ATP Jack Kramer, con la prima edizione a Tokyo nel 1970 vinta da Stan Smith.

Le ATP Finals non sempre hanno avuto questo nome. In origine si parlava di Masters Grand Prix (1970-89), poi ATP Tour World Championships (1990-99), Tennis Masters Cup (2000-08) e infine ATP Finals (dal 2009). Proprio nel 2009 le Finals hanno iniziato a far base alla O2 Arena di Londra. L’impianto, tra i più grandi al mondo, ha ospitato la competizione per 12 anni. Intanto nel 2017 è subentrato il title sponsor, ovvero la Nitto Denko Corporation, azienda giapponese leader nel campo dell’innovazione tecnologica.

A comandare la speciale classifica di vincitori con più titoli ci pensa l’ex numero uno al Mondo Roger Federer con sei titoli, seguono a quota cinque Djokovic, Sampras e Lendl.

Ra
Rafael Nadl durante una sessione di allenamento a Torino Ph. Credit: Andrew Eichenholz/ATP Tour

A Torino torna il grande tennis, gironi e favoriti

Non è una edizione delle Finals semplice da decifrare. Non mancano le stelle ma manca forse la condizione fisica. Il grande assente è il numero uno al Mondo, Carlos Alcaraz che si è fermato per un problema agli addominali. Non ci sono nemmeno italiani, né Berrettini né Sinner.

Il grande favorito rimane così Djokovic: nonostante la recente sconfitta nel Masters di Parigi, sembra quello più pericoloso. Nadal non è al top della forma così come Medvedev le cui ultime uscite, fatta eccezione per il torneo di Vienna, hanno deluso le aspettative. Lo stesso vale per Ruud che dopo gli US Open ha faticato e non poco, eliminato a Bercy da Musetti e per Tsitsipas non nel suo migliore anno e troppo altalenante.

L’altro tennista da tenere d’occhio è Auger – Aliassime forse il più in forma del momento. Non dovrebbero invece fare molta strada Rublev che comunque non ha disputato una brutta stagione e Fritz rientrato solo grazie al ritiro di Alcaraz.

A questa edizione sono presenti tre giocatori che hanno vinto il torneo almeno una volta, Djokovic, Tsitsipas e Medvedev.

Questi i gironi dell’edizione del 2022:

Gruppo ROSSO
Tsitsipas
Medvedev
Rublev
Djokovic

Gruppo VERDE
Nadal
Ruud
Auger-Aliassime
Fritz

DOPPIO

Gruppo VERDE

Wesley Koolhof/Neal Skupski
Nikola Mektic/Mate Pavic
Ivan Dodig/Austin Krajicek
Thanasi Kokkinakis/Nick Kyrgios

Gruppo ROSSO
Rajeev Ram/Joe Salisbury
Marcelo Arevalo/Jean-Julien Rojer
Lloyd Glasspool/Harri Heliovaara
Marcel Granollers/Horacio Zeballos

spot_img