LeBron James, verso l’infinito e oltre. Battuto il record dei record

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Superato il primato di punti di Kareem Abdul-Jabbar. Ora è king LeBron James il miglior marcatore dell’NBA con 38.390 punti. Il record resisteva da oltre 39 anni. Vuole superare quota 40.000, può riuscirci. Testa, talento, cuore e fisico di un atleta senza limiti. È diventato davvero il più forte di sempre?

LeBron James
Il canestro del record. LeBron James mette a segno i due punti del sorpasso a Kareem Abdul Jabbar

38.390 punti e non sentirli. LeBron James ha superato il record insuperabile

È successo tutto nella nottata di martedì 7 febbraio, durante il match contro Oklahoma City Thunder (per la cronaca perso dai Lakers 130 a 133). LeBron James ha battuto il primato più prestigioso di sempre, ha raggiunto il traguardo più ambito da ogni cestista, ha superato il record insuperabile. Toccando quota 38.390 punti, è diventato il miglior marcatore della storia dell’NBA. Lo ha fatto a modo suo, dominando l’ennesima partita di una stagione che sta disputando praticamente da solo, visto che senza di lui i Lakers sono davvero poca roba. Durante la serata, i Thunder sono lì sul parquet per dovere di calendario, ma in realtà il pubblico non aspetta altro che ammirare il ‘canestro del sorpasso’. E LeBron li accontenta come un vero performer. Va di fretta ‘il Re’, infatti, nei primi due quarti mette a segno ben 20 punti e nella seconda parte del match ne sigla altri 18 (ne basterebbero 16 per il pirmato, ma lui è il King).

E il canestro del soprasso? Non il più bello dei 38.000 segnati, ma è in assoluto il più prezioso. Lo ha fatto dalla media distanza, un perfetto fadeaway in pieno stile LeBron. A voler essere romantici, una sorta di cerchio che si chiude, infatti, anche il suo ‘primissimo’ canestro in NBA, datato 2003, lo aveva messo a segno con un fadeaway. Venti anni dopo, quindi, il record dei record è superato, con buona pace di Kareem Abdul-Jabbar, che lo teneva stretto a se da ben 39 anni. L’ex stella dei ‘mastodontici Lakers vecchia scuola’, lo aveva strappato a Wilt Chamberlain nel 1984, incrementando il bottino fino alla stagione ’88-’89. A superarlo ci provarono invano Malone, Kobe, M.J, ma nessuno riuscì nell’impresa. Solo LeBron ha superato l’insuperabile e lo ha fatto a 38 anni suonati, con una media da alieno. In stagione possiede uno standard di 27 punti a partita e se guardiamo al periodo da dicembre in poi lo score raggiunge una media di 33.

LeBron James
La leggenda dell’NBA Kareem Abdul Jabbar consegna la palla dei record a LeBron James

Come lui nessuno mai e forse nessun’altro in futuro. Testa, cuore, talento e fisico. Ora è il più forte di sempre?

A confermare la sua superiorità, il fatto che LeBron abbia superato il record di Kareem giocando meno partite e meno minuti rispetto a KAJ. In altre parole, è andato di fretta perché sapeva che poteva frantumare quel primato. In aggiunta, altro dato impressionante riguarda le tappe di avvicinamento ai 38.000 punti: James è il più giovane cestista di sempre ad aver superato ogni ‘milestone’, da 1.000 a 38.000, senza mai fermarsi. Unico è dir poco. Roba da divinità prestate al mondo del basket. Aggiungiamoci anche che, in questa stagione, King L. è diventato il 4° miglior assist di sempre in NBA e ha toccato quota 11.000 rimbalzi conquistati. “Non ho altro da aggiungere signor giudice”, verrebbe da dire. Sono dati, statistiche, primati e record impressionanti, che confermano la sua straordinaria superiorità ed il suo incontrastato dominio, mostrati in 20 anni di basket.

Durante la sua intera carriera, LeBron ha vestito alla perfezione i panni della regina, del re, dell’alfiere, del cavallo, insomma di tutti i pezzi della scacchiera, riuscendo a piegare il gioco letteralmente a suo favore. Lo ha fatto curando il suo fisico, coltivando sia talento che passione, ma soprattutto ha allenato la testa, la mentalità, la forza psicologica. Nello sport tanto, gira che ti rigira, è la testa che fa la differenza. Ben vengano gambe forti e capacità innate, ma è solo la forza mentale che ti permette di rimanere sul trono dell’NBA per oltre 20anni. E con la sua mentalità LeBron, continuando così per altre due stagioni (come ripete lui spesso), potrebbe tranquillamente superare quota 40.000 punti. Guardando alle nuove leve, nessuno sembra in grado di ‘risuperare’ il suo score, forse gli unici a provarci potrebbero essere Doncic e Tatum, anche se la strada è molto lunga. Ora, quindi, il più forte di sempre è LeBron? Chi ama il basket nella sua essenza non saprà mai scegliere il migliore in assoluto, anche se pesano quei 3 anni di inattività di un certo Michael Jordan.

spot_img