Italbasket, si vola al Mondiale

Ultime notizie

Coppa del mondo di sci, bene solo le azzurre

Slalom gigante, Marta Bassino sfiora il trionfo a Killington,...

Iran-Usa: un gol può portare la pace?

Una partita che va oltre lo sport, l’agonismo e...

Apoteosi Canada: Coppa Davis conquistata

Le foglie d’acero vincono per la prima volta la...

Beach Volley, Lupo – Rossi: che esordio in Australia

In Australia è il corso l'ultima Challenge del Beach...

Share

Gli azzurri dell’Italbasket ad agosto saranno impegnati. Dovranno volare in Giappone, Indonesia e Filippine per la Fiba World Cup. E’ la seconda qualifica consecutiva alla rassegna iridata, non accadeva da 32 anni. Pozzecco non contiene la felicità dopo la partita con la Georgia: “Vi voglio bene ragazzi”.

Italbasket e la magia nello spogliatoio

La Georgia si tinge di azzurro nella partita che vale la qualificazione al Mondiale 2023. L’Italbasket espugna la Tbilisi Arena i padroni di casa battendo i padroni di casa 85 a 84. Così vola ai mondiali che si terranno in Giappone, Indonesia e Filippine. Una partita equilibrata fatta di errori e recuperi. Ma quel che conta è l’epilogo. Festeggiamenti e abbracci, una grande felicità quella della squadra azzurra che è l’emblema dello sport. “Viviamo una magia nello spogliatoio” dice Gianmarco Pozzecco, travolto dai festeggiamenti. Anzi lui è il più scatenato e alla fine si lascia andare all’emozione, quella che aveva promesso sul campo. “Vi voglio bene ragazzi” dichiara ai suoi.

Partita estremamente equilibrata quella tra la nazionale di Ilias Zouros e gli Azzurri di Gianmarco Pozzecco. Necessaria la reazione degli azzurri dopo la sconfitta casalinga all’overtime contro la Spagna. Ma si è temuto il peggio fino alla fine perché la Georgia sembrava aver preso il largo con un +5 a meno di quattro minuti dalla fine della partita.
Ma il cliché si ripete nella squadra azzurra. Si vive in bilico, tra brivido e paura, di emozioni forti. Un po’ troppo. E gli azzurri hanno tirato un bel sospiro di sollievo proprio nell’ultimo minuto.

In bilico tra brivido e paura, alla fine la felicità

L’Italia parte alla grande nel quarto iniziale, trovando sei canestri da tre su undici tentativi, segnando 24 punti e costruendo un mini vantaggio di 5 lunghezze al primo mini-riposo. Anche nel secondo periodo i georgiani sembrano in difficoltà. Fino quando a Mannion viene fischiato un tecnico per simulazione difensiva, che si aggiunge ad un antisportivo rimediato nel primo quarto: il risultato è un’espulsione pesantissima, mal digerita da Pozzecco. E’ in questo momento che la Georgia prova il recupero. Ed è nel quarto periodo che parte il vortice.

Botta e risposta su entrambe le metà campo. Sono tanti i tiri puliti da oltre l’arco degli azzurri. La Georgia trova due incredibili triple consecutive di Berishvili che la portano sul +5. Siamo a 4′ dalla fine. Ma gli azzurri ribaltano il risultato. La tripla di Severini e le due in fila di Spissu sommate ai liberi di Pajola e la successiva pesantissima bomba di Ricci cambiano tutto. Ed esplodono di felicità. Riconsolando gli azzurri del calcio a pochi giorni dall’inizio dei mondiali in Qatar.  Sui campi della rassegna iridata ci saremo anche noi. E’ la seconda volta consecutiva che la Nazionale si qualifica al mondiale di pallacanestro. Non succedeva da 32 anni.

spot_img