International Alpha Cup: il grande nuoto a Milano. Quadarella: “Una tappa di passaggio per il Mondiale”

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Sono mesi di fuoco per i nuotatori azzurri. Chiedere a Simona Quadarella, Benedetta Pilato, Alessandro Miressi, solo alcuni dei protagonisti dell’International Alpha Cup che ha avuto luogo a Milano, presso il Bocconi Sport Center di Milano.

Benedetta Pilato
La ranista pugliese Benedetta Pilato. Ph. Credit: Giorgio Scala / DBM

International Alpha Cup a Milano con vista sul Mondiale

Il Bocconi Sport Center di Milano, eccellenza lombarda e italiana è stata il teatro di una giornata dedicata al nuoto azzurro con l’International Alpha Cup. L’Aqua Alpha è una giovane società sportiva e agonistica milanese ha organizzato la prima edizione del trofeo internazionale aperto alle categorie superiori (ragazzi, junior, cadetti e senior). Presenti anche tante stelle del nuoto azzurro, come Marco De Tullio, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi, Benedetta Pilato e Simona Quadarella. «Questa è sicuramente – dice proprio la romana, regina di 800 e 1500 stile – una gara di passaggio, stiamo lavorando tanto. Adesso c’è il Mondiale e mi sto concentrando su quello». C’è poi chi come Lorenzo Zazzari deve ancora conquistare in acqua un pass per la rassegna che avrà luogo a Fukuoka, in Giappone: «I campionati Assoluti sono andati bene, ora sono in ricostruzione, ci tengo a fare bene per poi concentrare tutto sul Sette Colli». In palio a Roma altri pass per volare nel paese del Sol Levante. Di certo, ci sarà Benedetta Pilato, atleta di riferimento italiana e non solo della rana azzurra. «È una tappa intermedia tra gli Assoluti, il Sette Colli e poi il Mondiale, principalmente siamo venuti qui per divertirci, è stato un allenamento con un po’ di spettacolo»

Marco De Tullio
Marco De Tullio tra i protagonisti del torneo dell’alpha Cup. Ph. Credit: Foto di Giorgio Scala / DBM

Problema piscine a Milano

A Milano, ma in generale in Italia, persiste, in tutti i contesti, il problemi di impiantistica. La piscina dello Sport Center dell’Università Bocconi (a gestione quindi privata) rappresenta a oggi una delle eccellenze azzurre. C’è una piscina da 50m con 10 corsie, ed una piscina da 25m con 5 corsie. Non solo gare di nuoto, l’impianto ha anche ospitato gare di pallanuoto di A1 e Champions League. Una bella vetrina per il movimento italiano. Lo sa ad esempio Benedetta Pilato tarantina doc che non ha mai voluto spostarsi dalla sua Puglia ma è costrette a fare spola tra Taranto e Bari dove c’è l’unica piscina olimpica in cui può allenarsi in maniera adeguata. Un problema che quindi coinvolge tanti sportivi.

La speranza è che la piscina dello Sport Center dell’Università Bocconi possa essere utilizzata anche in futuro per gare di carattere internazionali o per manifestazioni di alto livello. Spesso tanti atleti della Nazionale, come Rivolta o Martinenghi, si sono allenati qui ma manca ancora lo step successivo. In città ci sono diverse strutture ma sono obsolete e non adeguate a un certo tipo di attività agonistiche. C’è poi la piscina di Mecenate, dove a gennaio avrebbe dovuto avere luogo il “Trofeo Città di Milano 2023” annullato proprio per indisponibilità dell’impianto che è in ristrutturazione. Un peccato per il capoluogo lombardo che si prepara ad affrontare l’Olimpiade, seppur invernale, senza però soddisfare gli standard di diversi “altri” sport”. L’augurio degli stessi nuotatori è che quindi quella che è una tappa di passaggio diventi un evento che aiuti la crescita del movimento e porti alla risoluzione della questione piscine.

spot_img