Il Newcastle sogna in grande: finale di EFL Cup e il sogno Champions

Ultime notizie

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

MotoGP, Marquez e Acosta in gran forma nei test di Valencia

I test della MotoGP a Valencia mostrano immediatamente un...

Share

Sopra Londra, Manchester e Liverpool nel nord est dell’Inghilterra c’è una squadra che vuole sedersi nel tavolo delle grandi. Il Newcastle dopo anni difficili segnati da retrocessioni e fallimenti vuole tornare a dettare legge in Premier come nei primi anni del 1900. Per molti potrebbe rappresentare una sorpresa, ma c’è stato un periodo storico nel quale le gazze comandavano il calcio inglese. Nel primo trentennio del ‘900 i bianconeri hanno portato a casa 4 campionati, 6 coppe nazionali e un Charity Shield. Adesso c’è aria di svolta. Il nuovo proprietario Yasir Al-Rumayyan ha un nome complicato, ma le idee sono chiarissime: riportare il Newcastle in alto.

Tutto il Newcastle esulta dopo un gol di Isak
Tutto il Newcastle esulta dopo un gol di Isak

Il Newcastle vola in finale di EFL Cup a distanza di 47 anni dall’ultima volta

“C’è un nuovo sceriffo in città”, la celebre frase di uno spettacolo teatrale della Disney rappresenta la cavalcata del Newcastle. La ciliegina sulla torta della meravigliosa stagione è la finale di EFL Cup conquistata dopo la vittoria con il Southampton in semifinale. I bianconeri adesso dovranno vedersela contro il temibile Manchester United di Ten Hag. Un’altra squadra che punta a tornare a livelli altissimi. I Magpies tornano a giocarsi l’atto conclusivo della Coppa di Lega a distanza di 47 anni dall’ultima volta. Nessuna squadra nella competizione ha giocato due finali in un intervallo di tempo così lungo. Nel 1976 persero 2-1 contro il Manchester City. Adesso affronteranno i rivali dei Citizens a Wembley il 26 febbraio. I Red Devils erano nel destino della squadra di Howe. Infatti nel 1999 furono sconfitti dagli uomini di Sir Alex Ferguson in FA Cup. Quella è l’ultima volta che il Newcastle ha rischiato di vincere un trofeo in patria. Adesso c’è voglia di rivincita e di riaprire la bacheca. Nel 2006 la vittoria della Coppa Intertoto ha interrotto il digiuno, ma un trofeo nazionale manca dal 1955.

Eddie Howe, l'allenatore del Newcastle
Eddie Howe, l’allenatore del Newcastle

La nuova era e il sogno Champions League

La nuova era del Newcastle è iniziata quando il 7 ottobre del 2021 il fondo sovrano dell’Arabia Saudita (Public Investment Fund) affiancato da PCP Capital Partners e RB Sports & Media rileva la società in piena lotta per la retrocessione. Cambia allenatore affidando la panchina ad Howe e conquista un miracoloso 11esimo posto in campionato. Un ricco mercato porta al St. James Park giocatori del calibro di Isak, Pope e Botman. I soldi spesi sono tanti ma non era scontato un avvio del genere. A metà del primo vero anno della nuova proprietà i bianconeri sono al terzo posto in classifica e in finale di EFL Cup. L’obiettivo è la Champions League che manca dal 2003 e potrebbe aprire le strade al grande colpo Cristiano Ronaldo. Secondo indiscrezioni che rimbalzano tra l’Inghilterra e la Spagna, infatti, il nuovo contratto di CR7 con l’Al Nassr prevederebbe un trasferimento del portoghese nel 2023-24 in prestito al Newcastle se il club di proprietà di un fondo arabo riconducibile alla famiglia reale Saudita, centrasse in questa stagione la qualificazione alla coppa delle grandi orecchie.

spot_img