Il futuro del nuoto passa dalle bracciate di Sara Curtis. Chi è l’azzurra?

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Il nome di Sara Curtis deve rimanere ben impresso nella mente. È lei il futuro della Nazionale di Italnuoto: l’ atleta del Team Dimensione Nuoto agli Eurojunior di Belgrado ha conquistato 5 medaglie, 3 ori e altrettanti titoli europei juniores e 2 argenti. 

Sara Curtis
Sara Curtis, la nuova stella del nuoto azzurro. Ph. Credit: Giorgio Scala / DBM Deepbluemedia

L’Europeo da sogno di Sara Curtis

Le braccia di Sara Curtis nuotano verso le medaglie ma sopratutto verso il futuro. La squadra azzurra può contare sulla piemontese per i prossimi anni, se, le aspettative verranno rispettate. Agli Europei Junior di Belgrado è stata lei l’indiscussa protagonista. Bottino pieno con 5 medaglie, 3 ori e altrettanti titoli europei juniores e 2 argenti. L’italiana, impegnata su più fronti, è subito scesa in acqua con i 50 stile libero, la sua gara, coronata dalla medaglia d’oro e dal titolo continentale in 25”14. Ha così eguagliato il primato personale e il record italiano cadette che detiene dagli Assoluti di Riccione.

Bene poi il suo contributo nelle staffette. Nella 4×100 sl, l’Italia ha dominato in 3’40”60 davanti ad Ungheria e Gran Bretagna con la Curtis in prima frazione in 55”32. Ottimo riscontro anche dalla 4×100 mx dell’ultima giornata: Curtis, impegnata nella quarta frazione, ha nuotato 54”81, salendo sul gradino più alto del podio con le azzurre. I due argenti sono arrivati nei 100 sl, conclusi in 55”35 e nella 4×100 sl mixed, chiusa dietro all’Ungheria (terza la Francia). “Alla vigilia, ero molto fiduciosa per i 50 sl, avevo qualche dubbio in più sui 100 ma mi sentivo molto carica per le staffette – aggiunge Sara Curtis – è stato tutto fenomenale! Una chiusura incredibile nella 4×100 mista, la mia gara preferita, quella più emozionante: vivere l’adrenalina della gara assieme ai miei compagni e alle mie compagne di squadra mi fa sentire più gasata, determinata e felice di gareggiare. Quando ho toccato il muretto capendo che l’oro era nostro, ero davvero raggiante!”.

Sara Curtis
L’azzurra, 16enne, Sara Curtis. Ph. Credit: IG Sara Curtis

Chi è la nuotatrice piemontese

Sara Curtis si allena a Savigliano seguita da Thomas Maggiora del team Dimensione Nuoto. Nata il 19 agosto 2006 deve compiere 17 anni, vive a Genola dove è nato il padre, mentre la madre ha origini nigeriane. È nata, da spinter qual è, nel mito dell’azzurro Marco Orsi anche se ammira pure Silvia Di Pietro e Costanza Cocconcelli. Da sempre l’acqua ha rappresentato il suo mondo: la mamma, quando era incinta, faceva acquagym e lei a due anni e mezzo hai iniziato i corsi per bambini per poi passare subito al pre-agonismo. È pure diventata, con le vittorie agli Assoluti di Riccione, la prima mulatta della storia.

Lo ricorda lei stessa in un’intervista concessa a Corriere di Torino. “Sono stata la prima mulatta a vincere un titolo assoluto e va benissimo se serve a combattere i pregiudizi che purtroppo ancora esistono, ma non voglio dare troppa importanza a queste cose. Il colore della pelle è sicuramente una qualità in più”.

spot_img