Ginnastica Ritmica: iniziato il processo per la Maccarani e intanto le Farfalle lavorano tra dubbi e pressioni

Ultime notizie

Quello del 2024 è il miglior Bagnaia di sempre?

Velocissimo, vincente e sempre meno incline all'errore, il pilota...

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Share

Il mondo della ginnastica ritmica da mesi vive sotto un terremoto costante. È iniziato poco più di una settimana fa il processo per i presunti abusi psicologici e fisici nei confronti di diverse atlete. Tra le indagate Emanuela Maccarani e Olga Tishina.

Ginnastica Ritmica
Kitakyushu (JPN) 31 october 2021 Rhythmic Gymnastics World Championship. RG F 5B Team ITALY ITA © Ph by Simone Ferraro

Maccarani e Tishina a processo: nuova udienza a maggio

Al centro della bufera mediatica e giudiziaria ci sono Emanuela Maccarani e Olga Tishina. La prima, a seguito dell’esplosione del caso è stata privata del suo ruolo di Direttrice Tecnica. A oggi però, fattore non da poco, rimane comunque l’allenatrice delle Farfalle. La squadra della Nazionale italiana di ritmica l’ha sempre difesa e ha chiesto che la Maccarani rimanesse a lavorare in virtù di un legame lavorativo che ha portato tante vittorie e l’agognato bronzo a Tokyo 2020.

Intanto, la milanese e la sua assistente Tishina, una settimana fa, hanno preso parte all’inizio del processo. Le difese hanno esposto le proprie eccezioni e poi è toccata alla procura. Il tribunale ha poi deciso di respingere tutte le eccezioni: il processo è partito ma durato poco visto che la Procura ha chiesto di ascoltare cinque ginnaste. Si tratta di Manuela Agnolucci, Maria Vilucchi, Anna Basta, Irene Leti e Agnese Duranti (quest’ultima fa parte delle delle Farfalle). Le atlete saranno ascoltate il 12 maggio a Milano e sembra che il processo sportivo non andrà oltre il 31 luglio.

Le Farfalle azzurre
Cuneo 18 febbraio 2023 FARFALLE © foto di Simone Ferraro / FGI

Le Farfalle lavorano a Desio con la Maccarani

Il problema, oltre la vicenda giudiziaria e la ricerca della verità, è la condizione psico – fisica in cui sta lavorando la squadra azzurra alla ricerca di un pass per Parigi 2024. Il debutto nella prima tappa di Coppa del Mondo ad Atene è stato nel complesso positivo (visto soprattutto le tante assenze per infortuni) ma ancora si fatica nel concorso generale, quello più importante per la competizione dai cerchi olimpici. Non solo, la durata del processo coinvolgerà, ad esempio, il periodo di preparazione e di gara degli Europei, previsti dal 17 al 21 maggio a Baku (Azerbaijan) e tutte le tappe di Coppa del Mondo con le finali previste a Milano dal 21 al 23 luglio.

Una questione non da poco da gestire per le ginnaste, eccellenza del nostro sport, travolte da scandali che almeno a oggi nono sembrano averle toccate in prima persona. Dopo la prima udienza, Alessia Maurelli cuore e anima della squadra e capitana su Instagram ha scritto: «Il cammino è ancora lungo e pieno di scosse di assestamento, ma siamo pronte ad affrontarlo a testa alta e con tanta forza per poter continuare a portare la nostra arte in giro per il mondo, l’Italia ai vertici, gli esercizi e le idee di Maccarani in pedana e i nostri sorrisi in tv, per farvi sognare insieme a noi». Maccarani, almeno per le Farfalle poi il resto lo dirà la giustizia sportiva, non si tocca.

spot_img