Fipav, incontro tra i vertici: ecco il punto

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

E’ avvenuta a Roma, nella sede federale, l’incontro tra i massimi esponenti Fipav. Si è discusso di statuto, bilancio, formazione. Attenzione all’Accademia Volley, progetto deliberato nel consiglio federale del 18 giugno scorso. A dicembre via al primo ciclo.

Fipav: attenzione a statuto e bilancio in un anno positivo per la pallavolo italiana

La Consulta dei Presidenti dei comitati regionali, si è svolta a Roma nella sede federale di via Vitorchiano. I massimi esponenti della Fipav periferica si sono incontrati con il presidente Giuseppe Manfredi e i vice presidenti federali per dibattere di molti temi importanti. In apertura di riunione è stato affrontato un tema di grande importanza, quale la 46esima Assemblea Nazionale Straordinaria non Elettiva per le variazioni allo statuto Fipav, riguardanti le modifiche alle norme sul vincolo sportivo”. Lo fa sapere la Federvolley con una nota.
I presidenti regionali hanno espresso il proprio punto di vista, dando vita a un costruttivo dibattito che proseguirà nelle prossime settimane, coinvolgendo i comitati territoriali e ovviamente i dirigenti delle società che costituiscono la vera base del movimento pallavolistico italiano. L’Assemblea si terrà domenica 22 gennaio 2023 a Roma.

Dopo lo statuto l’attenzione si è spostata al bilancio. È stato  illustrato il bilancio di previsione 2023, predisposto in conformità alle indicazioni dello Statuto Federale, del Regolamento di Amministrazione e Contabilità e delle disposizioni di Sport e Salute S.p.A. Il documento, presentato dopo una stagione 2022 che ha regalato grandissime soddisfazioni alla Pallavolo Italiana, riporta le attività previste per il prossimo anno. Tra queste spicca l’organizzazione dei Campionati Europei maschili e Femminili di pallavolo e di Sitting Volley 2023. Oltre agli stanziamenti per le discipline di pallavolo, beach volley, sitting volley nel bilancio sono stati inseriti tutti gli impegni di spesa per la vasta attività portata avanti dai diversi settori che costituiscono la Federazione Italiana Pallavolo.

45^ Assemblea Nazionale FIPAV 2021 – Roma, Sala delle Armi – Foro Italico CONI, 10.03.2021

Accademia Volley

Sono stati, inoltre, presentati due progetti di formazione nei quali la Fipav crede fortemente e che sono frutto di un lungo e approfondito lavoro di studio e ricerca. Si tratta del Progetto di formazione con particolare riguardo agli allenatori di settore Giovanile, in merito all’abbandono dell’attività sportiva e dell’Accademia Volley. Lo scopo dell’Accademia nasce dall’esigenza di creare una vera e propria cabina di regia che risponda al bisogno del territorio di qualificare e valorizzare maggiormente le figure professionali che operano nei vari ambiti della federazione e delle società sportive.

Questa interesserà tutti i settori della formazione con particolare attenzione ai dirigenti sportivi delle società e dei comitati periferici. L’intero progetto è basato su tre cicli formativi di apprendimento. L’attivazione del primo ciclo è programmata nel mese di dicembre 2022, il secondo ciclo invece è previsto a partire dal mese di maggio 2023 e nel 2024 saranno attivati i workshop previsti nel terzo e ultimo ciclo.  La Federazione Italiana Pallavolo è la prima federazione sportiva italiana a dotarsi di un sistema di percorso formativo strutturato. “La creazione dell’Accademia Formativa FIPAV, dunque, va esattamente in questa direzione e ha l’obiettivo di definire un percorso di sviluppo professionale fatto di conoscenze e competenze da mettere poi al servizio di tutte le nostre società e degli interlocutori esterni.” lo ha detto il presidente Giuseppe Manfredi.

spot_img