Dybala e Kessié, due storie d’amore finite male

Ultime notizie

Europei di Nuoto 2022, via al Foro Italico

Rome Swim Rome è il claim degli europei ospitati...

Leandro Lo, dalle medaglie d’oro ad una morte assurda

Fenomeno e icona mondiale di jiu-jitsu, il campione brasiliano,...

Bebe Vio vince il premio Mecenate dello Sport 2022

Per la forza e l'universalità dei valori trasmessi, Bebe...

Calcio femminile , l’Inghilterra è campione d’Europa a Wembley

Davanti al pubblico di casa, le inglesi vincono in finale...

Share

Il calciomercato non ha smesso di bollire, neppure dopo la conclusione dell’ultima sessione invernale, che già ci aveva regalato numerosi colpi di scena e le ultime due sorprese hanno coinvolto Paulo Dybala e Franck Kessié. L’argentino lascerà la Juventus a fine campionato dopo 7 stagioni, l’ivoriano ha già firmato con il Barcellona e a giugno darà il suo addio al Milan.

Dybala si separa dalla Juventus dopo 7 anni

Due storie diverse ma che hanno in comune un epilogo sorprendente. Paulo Dybala conclude una storia d’amore durata 7 anni, coronata da più di 100 gol. L’argentino di Laguna Larga arrivò a Torino nell’estate del 2015 dal Palermo, dopo tre anni in cui aveva messo in mostra un talento fuori dal comune. Gli anni alla Juventus non sono stati tutti rose e fiori per la ‘Joya’ che ha attraversato fasi complicate. Spesso è stato messo in discussione e soprattutto ha dovuto combattere con un nemico difficile da sconfiggere: gli infortuni. Un punto debole che si porta dietro ormai da anni e che forse gli ha impedito di fare quello step in più che in molti gli hanno richiesto ma che può ancora arrivare.

Il Palermo ha avuto il merito di portarlo in Italia e coltivare il suo talento come un diamante prezioso. Il resto lo ha fatto lui che, sfruttando la chiamata di una big come la Juventus, è salito su quel gradino che sognava quando era un ragazzino con la maglia dell’Instituto Atlético Central Córdoba. La sua raffinatezza nel tocco abbinata al suo mancino fatato, hanno incantato il popolo bianconero e a tratti anche l’Europa. Ha indossato la 10 che era di Del Piero ma fin ora gli è mancato quel passo per sedersi al tavolo dei più grandi. La sua avventura con la Juve è giunta ai titoli di coda e il suo futuro è ancora da scrivere. La storia tra Dybala e la Juventus meritava certamente un finale diverso.

Kessié firma col Barcellona e chiude col Milan

Quella di Franck Kessié è un’altra parentesi molto travagliata che ha riempito le prime pagine dei giornali e dei siti web. L’ennesimo gioiello del Milan che a fine stagione andrà via a parametro zero e che seguirà la scia di Donnarumma e Calhanoglu. Il centrocampista ivoriano è esploso all’Atalanta sotto l’attenta supervisione di Gasperini. La chiamata di un club glorioso come il Milan non lo ha spaventato, anzi, lo ha reso ancora più consapevole delle sue qualità. In 5 stagioni ha preso il sopravvento nel centrocampo rossonero, diventando l’anima del gruppo messo in piedi da Stefano Pioli. In 214 presenze ha realizzato 36 gol: un cecchino dagli undici metri e un leader a cui affidarsi nei momenti difficili.

Kessié, però, si è opposto alle proposte di rinnovo del ‘Diavolo’, decidendo di non prolungare il suo contratto. Pochi giorni fa ha firmato un quadriennale con il Barcellona. Il suo nuovo ingaggio oscilla tra i 6 e i 7 milioni di euro a stagione. Da giugno Kessié sarà un nuovo calciatore di Xavi, uno che il ruolo del centrocampista lo ha nobilitato. Per il ‘Presidente’ (così soprannominato dai compagni) è giunto il momento di fare il grande salto della sua carriera e dovrà dimostrare di essere all’altezza. Adesso ha il compito di trascinare il Milan fino in fondo, per provare a vincere lo scudetto. L’unico modo per salutare Milano da vincitore, da eroe, limitando i danni di un addio che lascerà parecchie ferite nei cuori del popolo rossonero.

spot_img