Città di Falconara sul tetto d’Europa

Ultime notizie

Quello del 2024 è il miglior Bagnaia di sempre?

Velocissimo, vincente e sempre meno incline all'errore, il pilota...

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Share

Il Città di Falconara è campione d’Europa. Le biancoazzurre vincono l’European Women’s Futsal Tournament, la Champions League di calcio a 5 femminile. Dibiase miglior portiere, Rafaela Dal’Maz miglior giocatrice.

Cos’è l’European Women’s Futsal Tournament? In Italia si gioca la Champions

Giornata storica in quel dì Falconara Marittima dove al PalaBadiali viene incoronata la vincitrice dell’European Women’s Futsal Tournament, cioè la Champions League di calcio a 5 femminile. La premiazione è ancora più bella perché sul gradino più alto del podio c’è proprio la squadra di casa. Ferrara alza la coppa davanti al proprio pubblico e iniziano i festeggiamenti. In verità, in questi giorni è sempre stata festa a Falconara. Questa parte di costiera marchigiana, infatti, ha ospitato tutto il torneo a partire dal 19 dicembre. È la prima volta che la competizione si tiene in Italia e per la prima volta a vincere è proprio una squadra del Belpaese. Superato, quindi, il record del secondo posto raggiunto dal Pescara. Hanno partecipato all’evento sei squadre, le vincitrici dei rispettivi campionati: Atletico Navalcarnero (Spagna), Benfica (Portogallo), Deac (Ungheria), Uam Poznan (Polonia), DRS Vijfje (Paesi Bassi).

L’ European Women’s Futsal Tournament è una competizione “ufficiosa” della UEFA. I sei team si scontrano prima in una fase a gironi (due da tre squadre). Dopodiché, il torneo procede con delle gare “a specchio”. Le prime classificate di ogni girone si contendono il trofeo, le seconde giocano la finale per il terzo posto e le terze classificate si battono per il quinto gradino. La manifestazione è stata istituita nel 2017 e, dalla sua nascita, sono sempre state le squadre spagnole a trionfare. Inoltre la EWFT si è sempre tenuta in Spagna (ad eccezione del 2018, nei Paesi Bassi). La scelta dell’Italia come Paese ospitante è un segnale evidente della diffusione sempre più permeante del futsal nella penisola, e di quello femminile in particolar modo (soprattutto nelle Marche). La vittoria del Città di Falconara non fa che confermare questo dato e mette ottimismo in vista dei primi mondiali di futsal femminile.

La cavalcata del Città di Falconara e i premi

Il girone, per fortuna di mister Neri, è facile da superare. Alla gara d’esordio le citizens passano contro il DRS Vijfje. Più complicata la seconda contro Deac ma alla fine a spuntarla sono state le padrone di casa. La finale, però, è un’altra storia. Dall’altro lato, sorprendentemente, al primo posto non arrivano le spagnole dell’Atletico Navalcarnero (medaglia di bronzo) ma il Benfica. La squadra portoghese è devastante contro le tre volte campionesse che non sono riuscite a reggere la pressione costante e il ritmo martellante delle avversarie. Dunque, il 22 dicembre, si gioca Città di Falconara-Benfica. Le interpreti regalano emozioni a non finire sul 40×20. In vantaggio passano le ospiti, poi il Falconara raggiunge e mette la freccia, completando il sorpasso. La reazione portoghese riporta l’equilibrio. Sul 2-2, il guizzo vincente è del Falconara che nel secondo tempo difende il vantaggio grazie a una super Dibiase.

Una vittoria storica per la formazione marchigiana che porta a casa un altro trofeo esattamente un anno dopo la seconda Supercoppa italiana. A completare la bacheca anche due Coppa Italia e uno Scudetto, conquistato l’anno scorso contro il Pescara. I premi però non finiscono qui. Non solo la vittoria alla prima partecipazione, anche individualmente le biancoazzurre hanno lasciato il segno. Rafaela Dal’Maz, in arte “Pato”, è stata premiata come miglior giocatrice della competizione. Ad Angelica Dibiase va il premio di miglior portiere. La numero uno del Falconara, durante un’intervista a Futsal TV, ha concluso il suo intervento così: “Dedico [il premio] alla gente che crede in me e mi sostiene, come la mia famiglia, e a me stessa. Ogni giorno vado oltre le chiacchiere, resto con i piedi per terra e continuo a lavorare per la squadra“.

spot_img