Atletica: esordio sottotono per Tortu, ma nel mirino c’è la stagione all’aperto

Ultime notizie

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

MotoGP, Marquez e Acosta in gran forma nei test di Valencia

I test della MotoGP a Valencia mostrano immediatamente un...

Share

Filippo Tortu dopo due anni è tornato a gareggiare indoor. Al GP di Stoccolma ha corso i 60 metri, terminando quinto, con il crono di 6.75, al di sotto del suo personale.

Filippo Tortu in allenamento. Ph. Credit: Becky Holbrook

Filippo Tortu torna in pista: “Una delle gare più brutte”

Filippo Tortu l’ha definita una delle sue peggior gare. Si sa, spesso gli stessi atleti sono i primi a essere critici. In questo caso, il velocista della Fiamme Gialle non brilla ma, a onor del vero, non si poteva chiedere molto di più. Nell’ultimo anno il lombardo, allenato dal papà, si è concentrato di più sui 200 metri e non correva indoor dal 2020. Domenica 29 gennaio, anche un po’ a sorpresa, ha invece deciso di rompere gli indugi e fare il debutto stagionale al chiuso, al GP di Stoccolma.

Per lui come tempi, riscontri cronometrici piuttosto bassi: 6.81 in batteria e un 6.75 in finale che gli è valso un quinto posto, al di sotto del personale 6.58 di Ancona nel 2019.

Le due passate stagioni era sempre stato debilitato dal covid e non aveva mai potuto lavorare al meglio. Forse per questo ha così deciso, dopo aver passato un mese a Tenerife, di scendere in pista e fare un tentativo.

È stata sicuramente una delle mie peggiori gare – il commento diffuso dallo staff di Tortu – Ciò nonostante abbiamo saputo leggere tra le righe dell’amarezza quello che dobbiamo fare da domani, in pista, per continuare a costruire in vista della stagione outdoor” .

Tortu, dando l’annuncio del suo debutto aveva anche chiarito di non aver lavorato in maniera specifica sui 60.

Filippo Tortu agli Europei di Monaco di agosto 2022. Ph. Credit: Fidal

Gli obiettivi stagionali dell’azzurro

La stagione all’aperto è il vero e conclamato obiettivo dell’oro, con la staffetta 4×100, di Tokyo. Tortu, come molti suoi colleghi punta tutto sul Mondiale di Budapest di agosto 2023. Nella passata stagione rimase fuori dalla finale della rassegna di Eugene per soli 3 millesimi, riscattandosi poi agli Europei di Monaco con il bronzo sui 200.

Proprio la doppia distanza è ormai al centro della preparazione del lombardo che comunque non disdegna i 100. Distanza su cui, da sempre, si è fatto notare. Nel 2018 a Savona è diventato, infatti, il secondo italiano di ogni sempre con 10.03 ad appena due centesimi dal record nazionale di Pietro Mennea, battuto il 22 giugno a Madrid correndo in 9.99. In casa poi è arrivato un certo Jacobs e forse anche per questo, ma anche per le doti fisiche ha iniziato a focalizzarsi sui 200.

Il primato è di 20.10 e nel mirino potrebbe esserci il record italiano, quello del suo idolo Mennea.

In una recente intervista a Italpress ha detto: “Quel tempo è molto lontano (19″72, ndr), io sono concentrato sul mio, il mio è da battere, sarebbe importante confermarmi quest’anno, diciamo che l’obiettivo è andare sotto i venti secondi.

Oltre gli obiettivi personali c’è anche da lavorare sulla staffetta con Jacobs e compagni che l’anno scorso non riuscirono a centrare la finale: prima di tutto bisognerà centrare la qualificazione.

spot_img