Report AIC ‘Calciatori sotto tiro’: da Sud a Nord, da tifosi avversari e non

Ultime notizie

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

MotoGP: a che punto è Marc Marquez?

Dopo i test di Valencia le aspettative erano altissime....

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

Share

L’analisi condotta dall’Osservatorio AIC ha evidenziato, in linea generale, un aumento dei casi di minacce ed intimidazioni ai giocatori rispetto alle stagioni precedenti. Si definisce anche un cambiamento nelle motivazioni e nelle modalità di realizzo degli episodi. Il “razzismo” resta ancora tra le principali motivazioni e i social acuiscono il fenomeno

Aic, ecco i dati dell’ottavo report

Si insulta, minaccia e intimidisce al Nord come al Centro-Sud, nei campionati giovanili e in Serie A. Con la riapertura degli stadi, al termine delle limitazioni imposte dalla pandemia, i calciatori sono tornati ad essere oggetto di insulti, minacce e intimidazioni. Come singoli e come squadre, dai propri tifosi e da quelli avversari, cori razzisti e messaggi xenofobi, insulti verbali e minacce fisiche, in particolare verso i calciatori di vertice. Con una concentrazione verso gli atleti stranieri.

È quanto emerge dal l’ottavo report Aic ‘Calciatori sotto tiro‘, presentato oggi a Roma nel Centro Sportivo Polizia di Stato di Tor di Quinto. Tra i presenti il Presidente Aic Umberto Calcagno, il Ministro per lo Sport Andrea Abodi, il Presidente Figc Gabriele Gravina e Paolo Cortis, Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell’Interno che ha collaborato
alla presentazione del Rapporto. Nella stagione 2021/2022, raccogliendo informazioni da fonti pubbliche o segnalazioni dirette, l’Aic ha censito 121 casi in cui i calciatori sono stati fatti oggetto
di offese, minacce e intimidazioni. Nell’85% dei casi censiti, i campionati più a rischio sono stati quelli professionistici.

Gravina: “Ci vogliono interventi mirati”

I calciatori sono stati presi di mira principalmente come singoli (83%), soprattutto dentro gli stadi (60%) dove i calciatori sono stati offesi, intimiditi e minacciati ricorrendo principalmente a cori (36%) e insulti verbali (22%). Fuori dagli stadi, le aggressioni ai calciatori avvengono anche in presenza dei figli. In alcuni casi persino vengono inseguiti e spogliati al termine della partita. “Tema delicato, sempre attuale che richiede sempre molta attenzione” – ha detto il Presidente FIGC Gabriele Gravina. “Purtroppo viviamo in quel tribunale pubblico che è il mondo dei social, dove i cosiddetti leoni da tastiera riescono a scatenare odio in tutte le direzioni. I numeri preoccupano anche se c’è una diminuzione degli atti di violenza dentro gli stadi, in questa stagione sono tornate modalità di aggressione verbale e fisica nei confronti dei singoli, fenomeno che va debellato in tempi brevi. Ci vogliono interventi mirati” – ha concluso Gravina.

I social network si confermano strumento per esercitare odio e violenza verbale e psicologica, ma anche circostanziate intimidazioni (9%). Dagli “auguri” di morte o di incurabili malattie alle minacce a famigliari. Solo in rari casi sono stati individuati e puniti gli haters, visto il frequente utilizzo di profili falsi. Alcuni calciatori hanno scelto di chiudere i propri profili social, considerato anche che questi sono stati usati come fonte per pianificare furti, rapine in casa o durante gli spostamenti per allenamenti o attività sociali. I calciatori di colore sono il primo bersaglio dei casi di razzismo (39%). Per i calciatori italiani, spesso l’insulto è legato alla provenienza dalle regioni meridionali. Nel 64% dei casi sono i tifosi avversari a rendersi autori degli atti. Eppure in un caso su 3 sono tifosi ‘amici’.

spot_img