Raphaela Folie, oltre il volley c’è di più: “La mia determinazione mi ha portato dove sono”

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

La curiosità è un pregio troppo spesso sottovalutato e Raphaela Folie ha la fortuna di possederne tanta. La centrale della Vero Volley Milano è determinata in campo, ma soprattutto fuori.

Raphaela Folie, centrale classe 1991 nata a Bolzano con la maglia di Milano. Ph. Credit: Vero Volley

Raphaela Folie, dalla crescita di Conegliano alla nuova avventura a Milano

Da questa stagione la giocatrice bolzanina è alla corte di Gaspari, a Milano, dopo anni a Conegliano in cui ha vinto tutto. “Sono stati anni fondamentali. Quando sono arrivata, insieme a molte altre, eravamo una squadra nuova. La cosa che ci ha contraddistinto è che abbiamo creato un gruppo fantastico, siamo cresciute insieme. Eravamo ragazze con voglia di vincere, nessuna lo aveva ancora fatto. La società è stata brava a mettere insieme persone che combaciavano molto, dentro e fuori. Abbiamo creato qualcosa di indimenticabile. Giocare tante finali e giocare tante partite continuamente, aiuta a crescere e non abbassare mai la concentrazione”.

Ora però la testa è sulla Vero Volley. Dopo un avvio un po’ complesso, si trova bene, sia a livello logistico (a un passo da Milano, fuori dal traffico) sia come gioco e ambiente. “All’inizio tante erano in Nazionale. I primi due mesi sono stati così così. Quando sono rientrate è stato bello costruire una cosa nuova, avere nuove sfide e stimoli. Gaspari (coach, ndr), mi piace tantissimo, tira fuori il meglio di te. Vale anche per me che sono tra le veterane, cerca sempre di insegnarmi qualcosa. Sta dietro a tutte. Il gruppo è bello, giovane con qualche elemento di esperienza. Non c’è ancora il dominio di Conegliano, ci sono alti e bassi da limare. Con la Coppa Italia vedremo a che punto siamo, ci manca un po’ di continuità nel turnover. Il campionato italiano è il più bello del mondo, tutte le partite sono una battaglia. Il valore delle squadre con nuovi innesti, si vedrà tra un mese”.

Capitolo Nazionale e un fisico da gestire

Non solo club. Per anni è stata uno dei pilastri della Nazionale, capitolo che per il momento è in stand by. A determinarlo le sue ginocchia di cristallo, vessate da problemi e un fisico a cui pensare. “Credo di aver finito con la Nazionale. Mi sarebbe piaciuto andare avanti ma devo gestirmi e con il calendario è difficile. Non dico di non voler tornare…ci sono anche tanti talenti nel mio ruolo”. Tanta in generale, la concorrenza e le aspettative come sa bene una ex compagna di Folie a Conegliano, ovvero Paola Egonu protagonista di un Mondiale chiuso con qualche polemica. “Le estati, soprattutto quelle del Mondiale, ti stancano tanto a livello mentale, non è semplice. Secondo me il suo è stato uno sfogo di diverse cose e pressioni accumulate, credo che continuerà, è un talento unico, spero si sia ripresa e possa essere pronta”.

Raphaela Folie impegnata nella fase di rice. Photo Credit: Vero Volley

Testa dura per la Dottoressa poliglotta

Dietro il sorriso e la risata contagiosa di Raphaela Folie si nasconde molto altro. Una testa che va a mille, piena di idee e voglia di conoscere. Non a caso, anche dalla pallavolo, ha colto qualcosa in più dal punto di vista umano. “La cosa bella è che trovi persone, culture diverse e delle ragazze eccezionali”. Compagne che l’hanno accompagnata in un percorso un po’ insolito rispetto ad altre. Nessuna formazione a Club Italia o in squadre blasonate. È sbocciata relativamente tardi: “Stavo nelle montagne di Bolzano, (ride, ndr) giocavo un po’ così e non ho mai pensato ad andare altrove, all’epoca non parlavo nemmeno italiano, mi sentivo a disagio. Poi mi ha notata la moglie di Pieragnoli, che mi ha portato a fare qualche provino con Bergamo. In seguito, mi ha chiamato Mencarelli in juniores e pian piano mi hanno fatto capire che potevo fare bene anche se tecnicamente ero indietro rispetto alle altre. Ho detto, proviamoci ed è stato tutto veloce, ho fatto la B2, poi juniores, B1 e poi già la A. Era tardi, ma ho la testa dura e sono determinata”.

Nel mentre, in questi anni, guidata sempre dalla sua grande attenzione per tutto e amando lo studio ha portato avanti l’università con la laurea in Scienze dell’Educazione. Attualmente ha intrapreso una triennale in Scienze del Turismo e coltiva la passione per le lingue.

Ho studiato le lingue da sola, prima di iscrivermi a Scienze dell’Educazione: da piccola volevo diventare maestra d’asilo. Ora, faccio un’altra triennale: noi abbiamo una vita diversa, non abbiamo provato tante cose e volevo diversi punti di vista. Attualmente parlo tedesco, italiano, inglese, portoghese, quest’anno ho un esame di francese e l’ultima sarebbe lo spagnolo”. Un bagaglio di conoscenze e d’esperienze che si tiene stretta: “Nonostante problemi di lingua, gap fisici o altro, sono comunque arrivata a vincere tutto nel club. La mia determinazione mi ha aiutato tanto, ne sono fiera. Non ho mai mollato”.

spot_img