Massimiliano Bellarte: dai campi regionali alla Nazionale Futsal

Ultime notizie

Quello del 2024 è il miglior Bagnaia di sempre?

Velocissimo, vincente e sempre meno incline all'errore, il pilota...

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Share

Nato a Ruvo di Puglia, Bellarte è oggi il ct della Nazionale italiana di calcio a 5, ovvero Futsal. Giocatore poi divenuto allenatore, la sua carriera è stata lunga ed è partita dal basso: questo è ciò che lo rende più orgoglioso. Guai a chiamare “calcetto” il calcio a 5.

Bellarte e il percorso nel Futsal fino alla Nazionale

Il calcetto con gli amici è un attività di svago che ha coinvolto intere generazioni, piace a tutti e mette tutti d’accordo. Tranne sul campo, dove si rischia in ogni partita di arrivare alla lite. Risolta subito appena tornati negli spogliatoi. Il Futsal è un’altra cosa. Molto più simile al basket che al calcio a 11, per alcuni fattori, il Futsal resta un gioco prima che uno sport ma non può essere chiamato calcetto. “Nella pallacanestro ci sono 5 giocatori così come nel Futsal, le dinamiche di squadra sono simili, come il modo di correre e cambiare direzione“. Così Massimiliano Bellarte ci introduce al Futsal, lui che lo conosce bene. Dopo averlo giocato ha iniziato a trasmetterlo da allenatore.

Dai campi regionali del suo paese è passato poi a Città Sant’Angelo vincendo Coppa Italia e Supercoppa con la squadra Acqua&Sapone. Dopo essere approdato all’estero, in Belgio, ha vinto campionato, Supercoppa e Coppa del Benelux. “Qui – ci racconta – mi sono adattato a livello culturale: all’inizio è stato difficile e questo può influenzare anche il modo di allenare. Lì convivono due federazioni: una che fa parte della Fifa e una dell’AMF. Quest’ultima, che viene dall’America Latina, è la federazione storica del calcio a 5. Con il passaggio alla Fifa è diventato Futsal ma l’AMF è sopravvissuta, rimasta per pochi adepti“.

Nazionale calcio a 5: una squadra di giovani

Dopo un’esperienza al femminile (Salinis), approda nella Nazionale a settembre del 2020. Arriva dopo un fallimento della maglia azzurra: la mancata qualificazione ai mondiali. Lui, con 4 vittorie consecutive, porterà invece la squadra nazionale agli europei attesi per gennaio 2022. Non ho fatto tabula rasa del passato nonostante gli errori, perché la storia è importante. Ho voluto definire un nuovo cammino e un nuovo percorso a breve termine. Non subito di qualificarci ma piuttosto di creare un nuovo gruppo che fosse in grado di identificarsi dappertutto come una squadra nazionale” spiega Massimiliano. Molti giovani popolano l’Italfutsal e questo è parte della strategia di Bellarte.

Convocare i giovani può dare qualcosa al club. “Può dare la possibilità di creare un indotto, qualcosa di grande anche a livello comunicativo. Un giocatore del 2001 convocato in una squadra adulta stimola i giovani ad affacciarsi a questo sport e seguendo le gesta di un coetaneo”. Sui punti di forza della squadra il ct non ha dubbi: pensare a questa fase come un processo di miglioramento costante, ogni raduno e ogni gara, ci rendono più forti e ci renderà pronti alla fase finale del campionato europeo“. Questo è ciò che deve accadere ad ogni partita che si perde, usarla come occasione di apprendimento. Ma quando si parla di sconfitte Bellarte, ci tiene a chiarire “Quando si vince è la squadra a farlo, e a coinvolgere eventualmente l’allenatore. Quando si perde, perde l’allenatore“. E questa è la cosa più vincente che abbiamo mai sentito.

spot_img