Conti-Macii: l’amore nel migliore dei podi

Ultime notizie

Leicester, dalla Premier vinta alla retrocessione: il disastro è servito

“Dilly ding, dilly dong”, diceva Claudio Ranieri. Una frase...

Glutei on fire: ecco come allenarli al meglio

Per sviluppare al meglio i glutei basta fare esercizi...

Il caso Nisqy: cosa significa mentalità vincente?

In seguito al caso mediatico che ha riguardato il midlaner Nisqy dei Mad Lions, abbiamo cercato di capire meglio cosa significhi davvero avere una mentalità vincente.

Il sogno infranto del Borussia Dortmund: sfuma il titolo all’ultima giornata

Poteva essere un giorno storico per il Borussia Dortmund,...

Share

Conti/Macii sono diventati la prima coppia di artistico a issarsi sul podio iridato. Le precedenti dodici medaglie erano arrivate dal settore femminile (7), da quello maschile (1) e dalla danza (4).Hanno riscritto la storia battendo nettamente i concorrenti diretti per il bronzo.

conti macii
conti macii

Conti-Macii: la (terza) coppia più bella del mondo

L’Italia torna pertanto sul podio dei Campionati Mondiali dopo nove anni. Bisogna risalire all’edizione 2014, curiosamente tenutasi sempre a Saitama, per trovare medaglie azzurre. Artefici dell’impresa Niccolò Macii e Sara Conti. I due pattinatori, compagni di ghiaccio e di vita, sono arrivati dove mai erano riusciti gli atleti azzurri. A Saitama, in Giappone, hanno chiuso il programma corto in terza posizione e si sono confermati in quello libero conquistando una medaglia di bronzo come non era mai riuscita a fare nessuna coppia azzurra. “L’emozione è ancora oggi per noi indescrivibile. Realizziamo ciò che siamo riusciti a fare solo quando a casa ci mettiamo a guardare la medaglia, ma per noi è tutto ancora incredibilmente un sogno. Speriamo solo di aver portato in alto il nome dell’Italia“. Obiettivo centrato.

In effetti, erano nove anni che l’Italia non saliva sul podio dei Mondiali di pattinaggio di figura. Allora la coppia di danza Anna Cappellini-Luca Lanotte vinse l’oro e fu Carolina Kostner a portare a casa il bronzo nel singolo femminile. Ma qui c’è un discorso diverso da fare. Un discorso che inizia col numero due. Loro hanno vinto il bronzo in due, come coppia di pattinaggio. Che è coppia anche fuori. “E’ solo grazie a Niccoló se sono riuscita a ritrovare la grinta e la forza per affrontare tutte le sfide che ci sono state messe di fronte in questi anni. La sintonia che abbiamo trovato fin dal primo momento è stata unica ed indescrivibile, non è spiegabile a parole”.

“L’oro è un’ambizione grande ma non irraggiungibile”

Le parole non riescono a spiegare bene come i risultati. Sara Conti e Niccolò Macii sono la prima coppia italiana di pattinaggio artistico a salire sul podio iridato. Davanti a loro i giapponesi Riku Miura-Ryuichi Kihara d’oro e l’argento degli statunitensi Alexa Knierim-Brandon Frazier. “L’oro è un’ambizione grande, ma non irraggiungibile. Tecnicamente parlando diciamo che abbiamo degli elementi di minor valore che dall’anno prossimo cambieremo, e riguardando la gara ciò che ci manca rispetto alle 2 coppie davanti a noi è grande velocità e sicurezza nell’esecuzione dell’elemento” spiega Sara Conti. Tuttavia l’esecuzione è stata perfetta: ritoccando ogni primato personale hanno poi abbattuto, per la prima volta in carriera, la fatidica barriera dei 200 punti. A compimento di una crescita esponenziale avvenuta nell’arco dell’intera stagione.

C’era grande attesa per i due che avevano tutti gli occhi puntati. Oltre ad aver chiuso il programma corto in terza posizione (avanzando quindi una candidatura concreta alle medaglie), la coppia arriva da un altro primato storico. Agli Europei di pattinaggio di figura che si sono tenuti in Finlandia Sara Conti e Niccolò Macii hanno vinto la medaglia d’oro nella gara a coppie, precedendo i connazionali Rebecca Ghilardi e Filippo Ambrosini. Finora l’Italia era arrivata al massimo al bronzo. Sì, sono la coppia del futuro del pattinaggio di figura italiano, un futuro che ha una direzione chiara: le Olimpiadi in casa di Milano-Cortina 2026. Ma intanto i due guardano al presente, l’unico momento che davvero possediamo. “Il prossimo obiettivo è il mondiale a squadre (World Team Trophy) che si svolgerà ancora in Giappone a Tokyo la prossima settimana” ha dichiarato la pattinatrice.

-prossimo obiettivo,

spot_img