The Game Awards 2022, trionfo Riot Games

Ultime notizie

Mondiali Sci: Fede Brignone è già oro. Combinata perfetta

La campionessa azzurra parte col botto. Subito vittoria nella...

Rugby Sei Nazioni, si inizia. Italia bella, ma vince la Francia

Come ogni anno, è ripartito il torneo con protagonista...

Snooker: Powell e Gradinari nuovi prodigi della stecca

Due talenti super-precoci, due teenager già professionisti, due futuri...

Il Newcastle sogna in grande: finale di EFL Cup e la voglia di tornare in Champions

Sopra Londra, Manchester e Liverpool nel nord est dell’Inghilterra...

Share

La cerimonia dei Game Awards 2022 si è tenuta la sera dell’8 dicembre al Microsoft Theater di Los Angeles. Geoff Keighley, creatore e produttore di The Game Awards ha presentato la premiazione dei miglior giochi e dei miglior titoli dell’anno. Questa edizione ha visto dominare God of War Ragnarök, con 11 nomination e 6 premi. Il premio più atteso, il Game of the Year, se lo è aggiudicato, invece, Elden Ring. Le categorie riservate ai titoli dell’Esports hanno visto un unico marchio, quello di Riot Games.

Valorant, lo sparatutto in prima persona tattico di Riot Games, ha vinto il premio per l’Esports Game of the Year.

Il 2022 firmato Valorant

Si può dire che il 2022 sia stato l’anno di Valorant. L’FPS rilasciato da Riot Games a giugno 2020, ha acquisito in ben poco tempo successo e popolarità. Nel corso della finale di VALORANT Champions di quest’anno ha registrato 1.5 milioni di spettatori. Il gioco è stato incoronato Esports Game of the Year ai Game Awards 2022, alla vigilia del cambiamento competitivo previsto per il 2023 che prevede l’istituzione di tre leghe: americana, europea ed asiatica. Lo sparatutto tattico di Riot Games ha spodestato Counter-Strike: Global Offensive, il gioco più famoso della sua categoria. Ed insieme a lui, Dota 2, Rocket League e il titolo di punta della stessa Riot Games: League of Legends.

Anche il premio per Best Esports Athlete proviene da casa Valorant: Jaccob “yay” Whiteaker, ex pro player di CS:GO. L’unico candidato per Valorant si è aggiudicato il titolo a discapito degli altri nominati, tra cui risalta il nome di Oleksandr “s1mple” Kostyliev, uno dei giocatori più popolari di CS:GO, e Lee “Faker” Sang-hyeok, la leggenda di League of Legends. Il vincitore ha giocato quest’anno negli OpTic Gaming, battuti nella finale di VALORANT Champions 2022 dai LOUD. Yay giocherà nel 2023 con i Cloud9, il cui roster di Valorant è già definito da molti come superteam. Proprio i LOUD, campioni in carica di Valorant, si sono aggiudicati il premio Best Esports Team. Anche il titolo di Best Esports Coach rimane in casa della organizzazione brasiliana: ad aggiudicarselo è stato il loro Matheus “bzkA” Tarasconi.

La serie animata Arcane, ambientata nell’universo di League of Legends, ha vinto il titolo di Best Adaptation.

Dominio Riot Games ai Game Awards

L’unico premio che non si è aggiudicato Valorant è rimasto comunque in famiglia Riot Games. Il Best Esports Event è stato vinto dal 2022 World Championship di League of Legends. Il campionato mondiale del popolarissimo moba di Riot è stato giocato quest’anno in America. Il tour, iniziato dalla Arena Esports Stadium di Città del Messico, e passato per New York ed Atlanta, si è concluso alla Chase Arena di San Francisco. Il peak di 5.1 milioni di spettatori simultaneo raggiunto nel corso della finale si piazza al secondo posto nei record degli eventi esportivi più guardati di sempre. Complice del successo della finale, l’arco narrativo dei vincitori guidati da Kim “Deft” Hyuk-kyu, i DRX. Riot Games ha lasciato la propria firma su tutte le categorie di Game Awards relative al mondo Esports. E non solo.

La categoria per la Best Adaptation, introdotta per la prima volta nell’edizione del 2022 dei Game Awards, vedeva cinque contendenti tra film e serie animate basate sui rispettivi videogiochi. Tra le altre nomination Cyberpunk: Edgerunners, The Cuphead Show!, Sonic the Hedgehog 2 e Uncharted, è stato Arcane ad aggiudicarsi il titolo. La serie animata ambientata nell’universo di League of Legends, rilasciata il 6 novembre 2021, ha presto scalato le classifiche, portandosi al primo posto nella Top 10 di 52 paesi come serie più guardata di Netflix e stabilendone il record. Arcane si è mostrata “l’adattamento più fedele ed autentico di un videogioco ad un mezzo di intrattenimento“, secondo la definizione della categoria sul sito di The Game Awards. Già vincitrice di 9 Annie Awards e del titolo di Outstanding Animated Program agli Emmys 2022, Arcane ha già annunciato la produzione del secondo capitolo della saga.

spot_img