ATE Cup, un Winter Split tutto italiano

Ultime notizie

Apoteosi Canada: Coppa Davis conquistata

Le foglie d’acero vincono per la prima volta la...

Beach Volley, Lupo – Rossi: che esordio in Australia

In Australia è il corso l'ultima Challenge del Beach...

F1, il “crash gate”: cosa è successo tra Verstappen e Perez?

Alla fine dello scorso anno i due piloti Red...

Share

ATE Cup, finalmente un campionato in grado di colmare il vuoto invernale lasciato dagli split precedenti. Si può dire che l’esport di League of Legends abbia bisogno dei suoi momenti di pausa, data l’enorme mole di lavoro costituito dalle competizioni di altissimo livello durante l’anno. C’è chi però ha detto no ad una pausa, chi vive di competizione e voracemente ne chiede sempre di più. Stiamo parlando di Atleta Esport, che esordisce con un campionato tutto suo, tutto italiano: ATE Cup.

ATE Cup, inizia il torneo tutto italiano
AFN, Axolotl, ERG, Webidoo, Underworld e Yutoru sono i team partecipanti ad ATE Cup

ATE Cup, tra talenti noti e nuove promesse

Il formato del campionato è molto semplice. Quattro squadre, selezionate tra le migliori in Italia, partecipano con un invito. Le ultime due, invece, sono dovute passare attraverso un rigido Qualifier, che li ha messe alla prova tramite delle sfide ad eliminazione diretta. Proprio da questo qualifier sono emersi due team che tanto stanno facendo parlare di loro all’interno del Circuito Tormenta: Away From Normal e Underworld. Tra gli altri partecipanti troviamo Webidoo, in Summer Split ad un passo dalla partecipazione al Promotion Tournament del PGNationals; Earth Revolution Gaming, Yutoru ed Axolotl. Le organizzazioni però, per questo torneo hanno dovuto reinventare il loro roster, date le regole del campionato, dedicato interamente ad un pubblico italiano.

Una splendida occasione, quindi, per i giocatori italiani di mettersi in mostra, in attesa dell’inizio della vera e propria Offseason. Tanti volti noti sono presenti all’interno della competizione: possiamo fare il nome di Sandalo, Tinelli, Vyct0r e Skar nel roster degli Axolotl, che hanno deciso di partecipare con un gruppo ben coeso e che ha già stupito all’interno dell’ultimo split di PG. Accanto a questi nomi, possiamo trovare anche dei prospetti molto interessanti, come Zewih e Sheshwa degli Yutoru, o Khema dei Webidoo, che finalmente torna a giocare titolare. Interessanti anche le scelte di roster degli ERG, anche se sono apparsi un pochino fuori forma nelle prime uscite. La botlane composta da imnxtamess e Paradox, con un po’ di allenamento, può stupire in positivo.

La Broadcast crew di ATE Cup, composta da Susyx, Evan, Vischio e Revilvage

Axolotl già rodati, ERG in affanno, gli AFN stupiscono

Non c’erano tanti dubbi, roster alla mano, sui papabili favoriti alla vittoria finale. Gli Axolotl, anche grazie all’esperienza del jungler Demon, concludono la prima giornata con uno score di 2-0, nonostante l’arduo scontro con l’altra favorita del torneo: i Webidoo. Tra le altre, anche gli Earth Revolution Gaming sono in grado di tirare fuori buone prestazioni. Prestazioni che però non sono ancora arrivate. Forse per l’assenza dalla Landa di imnxtamess nell’ultimo split, forse per la chimica ancora non affinata con il suo compagno Paradox, gli ERG hanno offerto uno spettacolo confuso, riuscendo a strappare un punto contro gli Underworld solo grazie all’enorme divario di esperienza tra i player.

Sono gli AFN ad approfittare del ritardo di condizione degli ERG, riuscendo a strappare una vittoria molto lontana dalle più rosee previsioni. Grazie a degli incredibili engage di MatteoITA, inserito poi all’interno dell’All Star Team della settimana, i gialloneri sfruttano ogni apertura concessa da Kooiji e compagni. I Webidoo, dopo aver combattuto alla pari contro gli Axolotl e trascinati da un Creon in forma smagliante, riscattano la sconfitta della prima e dimostrano di essere in grado di competere fino alla fine per un posto ai playoff.

spot_img