Super Bowl LV in tempi di Covid: cosa cambierà nella 55ma edizione?

Ultime notizie

Group Stage: disastro Europa

I Group Stage dei Worlds sono finalmente giunti al...

MMA’s Lunch, cosa è successo tra McGregor e Facchinetti

Nell'appuntamento del lunedì di MMA's Lunch, in onda sul canale...

l’Olimpus Roma e i settori giovanili raccontati da Francesco Semeraro

In questa puntata del mercoledì di Futsal Arena ci...

Red Bull Half Court: la prima finale mondiale è al playground di San Lorenzo

A rappresentare l’Italia nel Red Bull Half Court due...

Share

La notte del Super Bowl l’America si ferma. La finale del campionato di football americano NFL è l’evento sportivo – e non solo – più atteso dell’anno. Il football resta lo sport numero uno negli USA, più amato e seguito di basket e baseball. L’evento è reso ancora più speciale dal fatto che i match sono limitati: 4 partite di preseason, 16 a squadra in un anno, 4 di playoff al massimo (inclusa la finale). Pochi match anche per ridurre i danni visto che si tratta di uno sport molto fisico con infortuni all’ordine del giorno. Lo show viene seguito da oltre 100 milioni di spettatori con un giro d’affari di miliardi di dollari. Nell’imminente 55ma edizione, anche il Super Bowl dovrà vedersela con la pandemia. Che succederà?

super bowl

Super Bowl: l’evento sportivo

La National Football League (NFL), la lega di football americano professionistico, è stata fondata nel 1920. Il primo Super Bowl risale al 1967, nato dall’unione della NFL e la lega concorrente AFL (American Football League) fondata qualche anno prima. La fusione delle due leghe è diventata definitiva nel 1970. L’obiettivo dell’evento sportivo è organizzare un super match per la sfida tra i campioni delle due leghe. Funziona così. Le 16 squadre (per ciascuna lega, quindi 32 squadre complessive) che partecipano ad ogni conference si affrontano durante la regular season. Una volta conclusa la stagione sportiva, le squadre vincitrici della propria season e le 2 migliori seconde accedono ai playoff. Terminati i playoff, si arriva alle finali delle due conference: le 2 squadre vincitrici accedono di diritto al Super Bowl, incontro che assegna il titolo di campione mondiale di football.

L’evento si tiene, di solito, l’ultima domenica di gennaio o la prima di febbraio: ogni edizione viene contrassegnata con numeri romani. Nel 2021, LV sarà la 55ma edizione. Ogni anno, alla squadra vincitrice viene assegnato il trofeo Vince Lombardi (intitolato al famoso allenatore di origine italiana). Si tratta della caratteristica palla da football di circa 3 chili interamente in argento realizzata in posizione di kick-off dalla nota gioielleria Tiffany, valutata intorno ai 25.000 dollari. Una volta assegnato, il trofeo resta di proprietà della squadra vincente: ogni anno, Tiffany crea una nuova variante del Vince Lombardi Trophy.

super bowl 2020 halftime
Shakira e J Lo protagoniste dell’Halftime Show del 2020

Super Bowl LV: l’evento di intrattenimento

Il colossale evento sportivo Super Bowl porta in campo non solo i campioni del Football ma anche star della musica internazionale che, ogni anno, si esibiscono durante l’intervallo di 20 minuti noto come Halftime Show. Il campo verde si trasforma in un palco pirotecnico che accoglie le performance delle star della musica mondiale. Negli anni si sono avvicendate personalità del calibro di Michael Jackson (1993, Pasadena), Blues Brothers, Rolling Stones, Madonna, Bruce Springsteen, Beyoncé, Coldplay, Lady Gaga, Shakira e Jennifer Lopez. Nessuna di queste star riceve un cachet per partecipare all’Halftime Show: la visibilità mediatica è enorme ed è questo che coinvolge particolarmente gli artisti. 

L’entertainment legato al Super Bowl prevede spot e trailer con cifre da capogiro: una pubblicità di 30 secondi può arrivare a costare in media 5,6 milioni di dollari. Gli introiti pubblicitari nel 2020 (54ma edizione) hanno toccato quota 435 milioni di dollari. Non sorprende visto che l’evento viene seguito da oltre milioni di spettatori americani. Se si aggiungono le TV accese in tutto il mondo, l’audience supera i 170 milioni di spettatori. Per questo l’accordo per i diritti tv firmato dalla lega NFL con i network americani vale complessivamente 5 miliardi di dollari l’anno. Oltre alla pubblicità, il Super Bowl pre-Covid ha sempre registrato numeri incredibili anche per biglietti, cibi e bevande. Riguardo al costo, nel 2019 la media ha superato 5.000 dollari a biglietto, mentre nel 2020 il posto più economico costava oltre 4.000 dollari. Chi vuole assistere al Super Bowl può arrivare a sborsare fino a 18.000 dollari per una sola entrata.

Uno dei tantissimi spot prodotti esclusivamente per il Super Bowl

Sport Business e marketing

Nel 2020, diverse aziende hanno cambiato i loro programmi di marketing. Hyundai Motor America Inc. ha confermato che non farà pubblicità nel Super Bowl LV.  Il clima di incertezza che avvolge l’evento (stadio semi vuoto, eventuali rinvii) ha spinto altri marchi a rinunciare alla pubblicità in-game come Olay, Avocado dal Messico e Sabra Hummus. La stessa Pepsi, sponsor ufficiale dell’Halftime Show, quest’anno diminuirà la sua presenza negli spazi pubblicitari disponibili durante la partita. I brand che si sono impegnati finora nel Super Bowl LV sono TurboTax, Pringles e Mars Wrigley (M&M). Anheuser-Busch, Toyota, Mtn Dew e WeatherTech sono pronti a subentrare con i loro brand ma i dettagli devono ancora essere confermati.  

La CBS, che quest’anno trasmetterà la partita, ha annunciato che addebiterà agli inserzionisti 5,5 milioni di dollari per uno spot durante il Super Bowl del 7 febbraio. Gli inserzionisti hanno date predefinite per le loro promozioni, posticipare i giochi significherebbe dunque dover offrire spot gratuiti perdendo gran parte delle entrate pubblicitarie. I playoff, insieme al gran finale, sono troppo preziosi per interromperli o rinviarli. Anche per questo, la Lega NFL ha reinventato il Pro Bowl trasformandolo in un’esperienza virtuale nel videogioco Madden NFL 21 e spostando i game dalla TV nazionale ad Amazon Prime Video. Il passaggio ai canali digitali influenzano le strategie di marketing dei brand. Incidono sul modo con cui le aziende possono fare pubblicità durante i giochi e sul target di pubblico da raggiungere.

stadio Super Bowl LV
Il Raymond James Stadium di Tampa (Florida)

Super Bowl LV: cosa cambia con il Covid

La 55ma edizione di Super Bowl si terrà al Raymond James Stadium di Tampa (Florida). I playoff della NFL (il cui formato è stato ampliato a 14 squadre) hanno preso il via. Pandemia e crisi economica porteranno a un ridimensionamento delle entrate commerciali anche se la Lega ha annunciato che sarà “uno dei Super Bowl più memorabili”. Quali sono i prezzi dei biglietti per il Super Bowl LV? Si parte da 5.400 dollari per arrivare a 16.200 dollari. La piattaforma di vendita nflonlocation.com avvisa: se l’evento verrà cancellato o si svolgerà senza fans, i biglietti saranno interamente rimborsati. Ma quanti spettatori potranno riempire lo stadio di Tampa? E’ ancora tutta da vedere.

Nel corso della stagione, Tampa Bay ha giocato davanti a 16.300 spettatori contro 65.857 posti disponibili. I ticket per il Super Bowl 55 sono attualmente in vendita, disponibili in un’ampia varietà di posti a sedere. In Italia, tutte le partite dei playoff e l’evento finale verranno trasmessi in diretta streaming da DAZN. Non si sa ancora se verrà trasmesso dalle reti Mediaset come lo scorso anno. Nonostante aumentino i casi di Covid-19 tra lo staff e i giocatori, la NFL ha annunciato che non intende rinunciare al Super Bowl: il rinvio è l’ultima opzione. Nel frattempo, si prosegue con i protocolli di tracciamento dei contatti per contenere il contagio.

spot_img