Rungrado May Day: lo stadio più grande del mondo

Ultime notizie

Mirco Casassa, la locura di un portiere di futsal

Come ogni mercoledì, Futsal Arena porta gli ospiti e...

VALORANT: il nuovo titolo competitivo targato Riot games.

Agent's Range Italia è la nuova realtà che ospita...

Sport in Italia: le scuole come punto di partenza

Lo sport nelle scuole è da sempre il punto...

Share

Lo stadio più grande del mondo si trova in Corea del Nord, è il Rungrado May Day Stadium ed è il posto più assurdo che si possa accostare all’idea e agli ideali dello sport. Costruito per volere del dittatore e presidente eterno Kim-Il Sung (il nonno dell’attuale Kim Jong-un), lo stadio ha una capienza ufficiale di 150.000 persone. La struttura ridicolmente mastodontica, è formata da 16 arcate esterne che dovrebbero ricordare i petali di magnolia. Bravo chi ce la vede la magnolia.

rungrado may day satellite
Il May Day Stadium in una rara immagine satellitare

In totale, lo stadio occupa 207.000 metri quadrati e sorge al centro di Pyongyang, sull’isola Rungra che si trova sul fiume Taedong. Esatto, un’isola, con due strade che entrano ed escono. Per farvi un’idea: lo Stadio Olimpico di Roma occupa poco più di 33mila metri quadrati, contiene massimo 70.634 persone e noi ci lamentiamo perché è scomodo raggiungerlo. Pensate ai coreani.

rungrado may day stadio maps
Maps ci aiuta a capire meglio le proporzioni

CHI GIOCA AL MAY DAY STADIUM?

Se leggendo il nome dello stadio vi è venuto in mente un aereo che precipita, non preoccupatevi: siamo in Corea del Nord, tutto è possibile. Il nome ovviamente non si riferisce alle grida di aiuto ma al Primo Maggio 1989, giorno dell’inaugurazione. Ogni anno in questo stadio si tengono i raduni, o Giochi di Massa, le adunate, o parate: insomma, le classiche mega coreografie che piacciono tanto ai dittatori megalomani e fanno tanto 1930, chiamatele come volete.

Un dettaglio della gradinata

Sono eventi messi in piedi per celebrare la storia della Corea del Nord, con una particolare attenzione narrativa agli ultimi decenni e alle gesta della Nazione e del suo capo Kim Jong-un. Esibizioni ginniche di massa ed enormi scenografie sugli spalti, danze coreografiche e ancora scenografie sulle gradinate. In pratica gli spettatori sono usati come pixel di un enorme giga-schermo: ora acceso, ora spento, ora cartello verde, ora quello rosso e via così. 

rungrado coreografie
Il pubblico ha dei cartelli di diversi colori che vengono aperti come pixel di uno schermo

L’evento Pay per View del 1995 Collision in Korea, è stato l’evento con più affluenza all’interno del May Day Stadium. Era un torneo di Wrestling, organizzato dalla World Championship Wrestling e la New Japan Pro Wrestling: i due giorni d’evento fecero registrare rispettivamente 150mila e 165mila spettatori, secondo fonti più attendibili del governo di Pyongyang.

coreografia may day stadium
Spettacoli ginnici e di danza durante i Mass Games

Veramente poco sport

Se si escludono le grandi manifestazioni ginniche, che hanno sicuramente una valenza atletica ma scarsamente sportiva, sono poche le competizioni che si svolgono in questo stadio con regolarità. Vi ha giocato la nazionale di calcio della Corea del Nord, ad esempio. La stessa che venne eliminata ai gironi nel mondiale del 2010, il secondo al quale abbia mai partecipato.

Il vero spettacolo sportivo, l’autentico gesto atletico, però, lo offrono gli spettatori con i ‘loro’ murales durante i Mass Games. Decine di migliaia di persone aprono cartoncini di diversi colori contemporaneamente, per formare delle gigantesche figure e coreografie in stile concettualismo sovietico, con quel piacevole tocco di epica retorica e l’immancabile sorriso sul faccione del presidente eterno Kim-Il Sung.

rungrado may day stadium
Guerra simulata o coreografia complicata?

Proprio a lui è dedicato l’altro stadio di Pyongyang, perché uno gigante non bastava. Il Kim-Il Sung Stadium of Ideals contiene 50mila persone. È qui che si tengono le partite regolari delle nazionali di calcio (maschile e femminile) e le partite del Pyongyang City Sports Club. Ma nel cuore dell’attuale leader nord-coreano, Kim Jong-un il Day May Stadium conserva un posto speciale. È qui che si esprime e si concentra tutto l’amore del popolo coreano per il suo leader, al contrario di quanto avviene (secondo un giornale sud-coreano) in altri stadi del Paese, spesso usati come palcoscenico per le esecuzioni pubbliche: lo sport preferito dal giovane Kim.

spot_img