Padel, crescita no stop. Da nord a sud Italia è boom

Ultime notizie

Omosessualità, il tabù degli sport di squadra maschili

E' una storia che appartiene a pochi quella che...

MotoGp: Bastianini vince, Bagnaia sempre a terra

Altro weekend del Motomondiale messo a referto. Dopo la...

Piazza di Siena, 100 anni di sport e natura, nel cuore di Roma

Giunto all'edizione numero 89, il CSIO (Concours Saut International...

Share

Mai uno sport aveva avuto un incremento come quello fatto registrare dal padel. E’ la disciplina più in voga del momento e attira appassionati di ogni età. Dinamicità, varietà di gioco, versatilità e ricavi più veloci. Tra campi, strutture, giocatori ed introiti, dal 2020 la crescita è stata del 160%. In ogni Regione si sta puntando su campi all’avanguardia e strutture moderne. Padel da nord a sud Italia è boom.

Padel da nord a sud Italia è boom
Giocatori di padel in azione

Il padel in Italia, dal 2016 una crescita dell’800%. Da nord a sud è boom

Tra gli sport più praticati al momento, il padel ha scalato posizoni, avvicinandosi a colossi come calcio e tennis. Oggi, sono oltre 57.000 i tesserati italiani, una crescita esorbitante, visto che un anno fa erano 10.000. Il dato aumenta considerando anche i giocatori non ufficiali (dalle stime sarebbero 1 milione e mezzo). Numeri impressionanti e incremento enorme. Nemmeno la pandemia l’ha frenato. Se il covid ha rallentato altri sport, il padel ha trovato, paradossalmente, terreno fertile.

Zero contatto fisico, novità e testimonial d’eccezione come vip o ex calciatori, ecco la ricetta della crescita. A confermare il trend, le tante strutture realizzate in due anni. Nel 2016 solo 50 campi in Italia, oggi sono oltre 4700, una crescita dell’800%. Tra circoli sportivi e padel club, dal 2021 l’incremento è stato del 160% e il dato salirà ancora. Tolte Regioni meglio avviate come Lazio, Lombardia, Emilia e Sicilia, sempre più territori investono nel padel.

Da Aosta a Napoli, una crescita rapida e costante in tutta Italia

Al nord, migliora la Valle d’Aosta, con 4 strutture e 8 campi. Ne arriveranno di nuovi a Courmayeur. Simile il Trentino con 9 strutture e 10 campi, di cui uno ad oltre 1000m di altitudine. Crescita del 200% per il Friuli, che dai 7 campi del 2020, oggi ne conta ben 21. Ottimo il Piemonte, che si piazza al 4° posto in Italia con 325 campi in 63 Comuni. Spicca Torino-Provincia, seguono Cuneo e Novara. Meno strutture ad Alessandria, Asti, Biella e Vercelli. Buona crescita in Liguria, +170% rispetto al 2020. La Provincia di Genoa fa da traino, seguono Savona, Imperia e La Spezia. Tra i Comuni liguri vola Sanremo. Anche il Veneto ama il padel. Oltre 140 campi realizzati in soli due anni e situati in 45 Comuni.

In Toscana ben 234 campi in 47 Comuni tra le Provincie di Grosseto, Livorno, Firenze. Indietro Lucca, Pisa, Arezzo e Siena. Volano le Marche, crescita del 240% in soli 10 mesi. 28 i Comuni dove giocare, 60 le strutture e 126 i campi, soprattutto ad Ancona e Pesaro-Urbino. Bene anche Ascoli e Macerata, nonostante la vocazione calcistica. Fermo risale. Per Umbria e Abruzzo crescita del 200%, con 24 e 27 Comuni coinvolti. Meno sviluppo in Molise con solo 19 campi. Al sud, risalta la Puglia. Tra Bisceglie, Lecce, Taranto e Bari, oltre 200 campi. Ottima la Campania, con Napoli a trainare. 204 campi e +300% rispetto al 2020. Indietro la Basilicata, solo 5 strutture 9 campi. Calabria al top con un +319%: 128 i campi tra Cosenza, Reggio Calabria e Crotone. Bene anche la Sardegna. 70 strutture e 171 campi tra Cagliari e Nuoro.

Padel da nord a sud Italia è boom
Ex calciatori giocano a padel

Sorpassati tennis e calcio a 5. Meno costi e maggiore resa.

Con una crescita così alta, non si può non parlare di introiti. La cosa certa è che, ad oggi, gestire una struttura vocata al padel, rende molto di più rispetto a campi da calcio o tennis. In media, per 1 ora/1ora e mezza, i gestori chiedono circa 12€ a giocatore, per un totale che si avvicina ai 50€. I relativi costi di manutenzione sono davvero bassi in confronto ad altri sport. La superfice del campo è molto ridotta rispetto al calcio e di gran lunga più resistente, quindi per cura e pulizia serviranno minor tempo e meno costi. Allo stesso tempo, gli introiti aumentano se si considera che, dalla superfice di un campo da calcio o calcio a 5, si possono ricavare da 2 a 4 campi da padel, di conseguenza ricavi raddoppiati e più veloci.

Il padel non è più solo una moda ma rappresenta un settore sportivo che coinvolge appassionati, professionisti ed investitori. Vip, ex-calciatori e uomini d’affari, molte le personalità entrate nel mondo padelistico per generare guadagni e far crescere il movimento. Ad esempio, il patron del PSG Al Khelaifi ha puntato sul World Padel Tour con il fondo QSI. In Italia, l’ex tennista Flavia Pennetta ha finanziato 2 campi nel Circolo Tennis di Brindisi. Oltre a coinvolgere appassionati, in questi anni il padel ha attirato l’interesse di Enti, Amministrazioni locali e provinciali, Federazioni ed Associazioni, che hanno compreso come questo sport sia una scintilla economico-sociale per molti territori. La continua nascita di strutture è una cartina tornasole perfetta per spiegare il tutto. D’altronde, con oltre 57.000 tesserati e più di 1 milione di italiani appassionati, per il padel da nord a sud Italia è boom.

spot_img