Misfits Gaming, addio all’esport

Ultime notizie

ATE Cup, un Winter Split tutto italiano

ATE Cup, finalmente un campionato in grado di colmare...

Federer annuncia il ritiro: “Ti amo e non ti lascerò mai”

A 41 anni Roger Federer lascia il tennis pubblicando...

Sportcity , l’evento per la sportivizzazione dei luoghi

Che significa sportivizzazione dei luoghi? Rendere le città più...

Simone Giannelli, l’arma in più dell’Italia di De Giorgi

Simone Giannelli: il regista italiano che dipinge con le...

Share

Ufficiale, i Misfits Gaming non saranno più nel mondo esportivo. La comunicazione è arrivata, dopo una serie di voci che sembravano irreali. Dopo solo un anno dall’addio dello Schalke04 dalla massima serie di LEC, i prossimi saranno i Misfits, che lasceranno il posto al Team Heretics.

Il Team Heretics prenderà il posto dei Misfits in LEC

Misfits Gaming Group, chi sono e a cosa rinunciano

Prima sembravano solo voci, poi è arrivata l’ufficialità tramite un comunicato stampa della società americana e una conferenza di quella spagnola. Il Team Heretics, nel 2023 giocherà LEC. Misfits Gaming ha deciso di virare le attenzioni su altro, non sull’esport, ma sulla creazione di contenuti. Già durante il TwitchCon svoltosi ad Amsterdam poco tempo fa, hanno annunciato la creazione di TubNet, un server crossplatform di Minecraft creato in collaborazione con il celebre content creator Tubbo. MGG è una società nordamericana, che oltre agli slot in LEC e LFL, compete nella Overwatch League con i Florida Mayhem e nella Call of Duty League con i Florida Mutineers.

Rimarranno i team di Overwatch e COD, che continueranno il loro percorso nelle leghe americane, anche per via della scarsa appetibilità agli occhi degli imprenditori, ben più interessati ad acquistare un posto in un franchising di uno dei giochi più seguiti al mondo. Quindi niente più League of Legends per i Misfits, che dopo aver comunicato la cessione per il 2023 agli Heretics, ha specificato che neanche LFL, la ERL francese dove competono anche i Karmine Corp, vedrà più i Misfits Premiere. I Misfits Gaming sono parte della franchigia LEC fin dalla sua nascita, nel 2019, ma già facevano parte di EU LCS dal 2017, dopo aver sconfitto al promotion proprio lo Schalke 04. Nei cuori di tutti i tifosi europei rimarrà per sempre quel game che hanno disputato contro gli SKT di Faker, dove il Blitzcrank di Ignar ha stupito e terrorizzato i giocatori coreani.

Misfits Gaming, dal 2017 ad oggi
Durante i Worlds del 2017, i Misfits Gaming hanno terrorizzato i campioni in carica e Faker con il pick di Blitzcrank

Team Heretics, superata la concorrenza di Giants, KOI, KC e… TSM!

Non appena la notizia dell’intenzione di vendere uno slot così prestigioso ha cominciato a fare il giro degli addetti ai lavori, si è scatenata l’asta. Svariate organizzazioni, molto note nel panorama, hanno fatto le loro offerte, nel tentativo di accaparrarsi un posto nella massima lega europea. Ne sono usciti vincitori gli Heretics, ma ciò che più stupisce sono i nomi delle altre org che si sono mosse. KOI e Karmine Corp, che sembravano essere sicure dell’invito una volta che LEC si sarebbe allargata a 12 squadre, evidentemente hanno ricevuto notizia del fatto che questo allargamento non arriverà a breve. Dietro di loro, i Giants, che con Jiizuke hanno terminato la Regular Season in Spagna al primo posto, appena sopra gli Heretics. Ma il nome che più stupisce è l’ultimo, e sono i TSM.

Il Team SoloMid, la più nota organizzazione americana nel panorama di League of Legends, avrebbe quindi tentato di vendere il proprio slot in LCS per spostarsi in Europa. Che gli ultimi trambusti interni abbiano convinto il proprietario a cercare fortuna oltreoceano, dopo i disastri sportivi ottenuti in Nord America?
Quarantacinque milioni di dollari, o poco meno, considerando che l’acquisizione dello slot è avvenuta solamente all’80%, sono quasi il doppio della spesa affrontata dai BDS nella trattativa con gli Schalke 04 solo un anno fa. Se TSM, KOI, Karmine Corp e Giants sono veramente intenzionate a giocarsi le proprie carte in LEC, potrebbero aver appena perso un’occasione d’oro.

spot_img