Da Hojlund a Baldanzi e Fagioli: i migliori talenti della Serie A 2022-2023

Ultime notizie

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

MotoGP: a che punto è Marc Marquez?

Dopo i test di Valencia le aspettative erano altissime....

Superbike: cosa ci ha detto il primo round?

Il primo round della Superbike 2024 ha messo in...

Le nuove leve del tennis ATP: rivoluzione in atto?

Sono tanti i giovani tennisti che stanno raggiungendo i...

Superbike 2024: i big all’assalto di Bautista, ma attenzione ai rookie

Lo spagnolo cerca il tris dopo i titoli conquistati...

Share

Il campionato di Serie A volge al termine e alcuni verdetti sono già arrivati. Uno su tutti quello che ha visto trionfare il Napoli, laureatosi campione d’Italia per la terza volta nella sua storia. Durante questa stagione, però, diversi giovani talenti hanno rubato l’occhio, prendendosi la scena della Serie A e attirando l’attenzione dei grandi club italiani e non solo. Vi raccontiamo i migliori gioielli del campionato di Serie A 2022-2023.

Talenti Serie A: Cambiaghi Empoli
Talenti Serie A: Cambiaghi Empoli (@livephotosport)

Nuovi talenti alla conquista della Serie A: da Hojlund a Cambiaghi

Ogni anno la Serie A regala nuovi talenti di assoluto valore che spesso partono come volti inediti e si rivelano dei veri e propri gioielli. Certamente nel nostro campionato ci sono squadre che più di altre hanno una propensione a puntarci, senza timore o perplessità. L’Empoli è una di queste e anche in questa stagione non si è nascosta dal buttare nella mischia i suoi ‘campioncini’. Uno su tutti Tommaso Baldanzi, trequartista classe 2003, capace di segnare a San Siro a soli 20 anni, decidendo la gara con l’Inter. Mancino moderno, un mix di qualità e visione di gioco. Insieme a lui sta brillando anche il talento scuola Atalanta classe 2000 Nicolò Cambiaghi, autore di 6 gol stagionali (3 nelle ultime 3 giornate) che hanno alzato notevolmente il suo status. Spostandoci proprio in casa Atalanta, è impossibile non citare il danese 2003 Rasmus Hojlund: centravanti dal clamoroso strapotere fisico, capace di prendersi la scena sia in Serie A che con la nazionale.

Già 8 i gol per l’ex Copenhagen da quando è in Italia: un fiume in piena col fuoco negli occhi, destinato a dominare la classifica cannonieri nei prossimi anni. La Dea ogni anno tira fuori dei calciatori di primissima qualità e anche quest’anno si sta confermando. Non solo Hojlund, anche Giorgio Scalvini è un diamante grezzo purissimo, ennesimo prodotto del club bergamasco. A soli 20 comanda la difesa come un veterano, giocando anche da mediano all’occorrenza. Gasperini lo sta plasmando, rendendolo anche un discreto goleador, come certificano i due gol in campionato. Proprio contro l’Atalanta è arrivato il primo gol in Serie A di Samuel Iling-Junior, il classe 2003 della Juventus, prodotto della Next Gen. Insieme a Nicolò Fagioli è, probabilmente, il talento più cristallino del club bianconero che quest’anno ha deciso di puntare sulla nuova generazione in un momento molto delicato della propria stagione. Già nel giro della nazionale inglese U19, Iling è sicuramente uno dei giovani più tecnici della Serie A, forte del percorso nelle giovanili del Chelsea.

Iling Junior Juventus- Serie A
Iling Junior Juventus-Serie A (LaPresse)

La Serie A dei nuovi volti, ma attenzione ai flop

Non tutti i club italiani, però, hanno puntato sui volti inediti. L’Inter, ad esempio, ha investito su due giovani come Asllani e Bellanova, ma in poche occasioni Simone Inzaghi gli ha dato fiducia. Certamente ci si aspettava tanto, soprattutto dal centrocampista ex Empoli che, seppur abbia mostrato qualità tecniche non indifferenti, non è riuscito a farsi spazio tra giganti come Calhanoglu e Brozovic. Se parliamo di flop, la delusione più grande di questa stagione di Serie A è sicuramente Charles De Ketelaere. Il classe 2001 belga è arrivato in estate dal Club Bruges, accolto con grande attesa dai tifosi rossoneri. Il trequartista, però, non ha retto le pressioni di San Siro e non è mai riuscito a incidere. Ancora zero alla voce gol per il gioiellino del Milan che sembra non avere ancora la personalità necessaria per reggere il peso di una maglia così prestigiosa.

In compenso il Milan si gode un nuovo prodigio della difesa, Malick Thiaw. Classe 2001 tedesco che Maldini ha pescato dalla Bundesliga con grande lungimiranza. Partito come riserva, nella seconda parte di stagione si è preso la scena, diventando un pezzo pregiato del puzzle di Stefano Pioli. Un difensore moderno, forte fisicamente e rapido nell’uno contro uno, abile sia in una difesa a tre che in una a quattro. Insieme a Scalvini è certamente il profilo difensivo più interessante tra i nuovi volti della Serie A 2022-2023. Una conferma più che un volto inedito è, invece, Destiny Udogie. Sembra paradossale per un ragazzo di appena 20, prossimo al trasferimento al Tottenham. L’attuale esterno dell’Udinese ha collezionato 3 gol e 4 assist in campionato ed è probabilmente il migliore della Serie A nel suo ruolo, in rapporto all’età. In un periodo storico in cui il calcio italiano sta provando a risollevarsi, la presenza di così tanti nuovi talenti in Serie A rappresenta un punto di partenza per nulla banale.

spot_img