Masterclass Atalanta, come fare 400 milioni spendendo ‘du spicci’

Ultime notizie

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Nicholas Spinelli: l’esordio da sogno, come pochi altri nella storia della Superbike

In sostituizione dell'infortunato Danilo Petrucci, l'azzurro ha fatto il...

Jannik Sinner: quando arriverà il numero 1?

Sul fatto che l'altoatesino sia destinato a diventare il...

Share

Dopo soli 11 mesi, quintuplicare il valore di un proprio giovane e venderlo ad una cifra record. Rasmus Hojlund ceduto allo United per 85 milioni è l’esempio del “modello bergamasco’. Scovare talenti o costruirseli in casa, coltivarli e venderli in fretta a cifre stellari. È la politica che l’Atalanta sta portando avanti da circa 7 anni, incassando oltre 400 milioni. In Italia la invidiano, nel resto d’Europa è un modello.

Hojlund e Gasperini

Atalanta, gli artigiani dell’affare. Quando vendere conta più che vincere

“Venghino signori, venghino – sembra gridare la Serie A con tono circense – Il calciomercato è aperto, centinaia di prodotti in vendita, basta l’offerta giusta”. È un po’ questa l’aria che si respira nel panorama pallonaro nostrano. Giocatori volati in Arabia, gente salpata per la Premier League e altri con le valigie in mano. Guardando all’ultimo periodo, il trend del calcio italiano sembra chiaro: afferrare giovani talenti, o future promesse in giro per il globo, farli crescere, dar loro un imprinting europeo e poi venderli alla prima offerta buona giunta dall’estero. Possiamo chiamarla una Serie A formato supermarket? Non proprio, ma fatto sta che i calciatori quelli buoni, per intenderci quelli forti, è come se fossero in affitto qui nel campionato italiano. Massimo un paio di stagioni e poi si vola dove i guadagni sono maggiori e i club più competitivi. Ne è l’esempio proprio la recente vicenda di Hojlund.. Il classe 2003 è stato scoperto meno di un anno fa, manco a farlo apposta, dall’Atalanta.

Il club bergamasco, dopo anni di scouting visionario ed operazioni lungimiranti, ancora una volta ha messo a segno un colpo da 10 e lode. Il 20enne danese, in soli 11 mesi, grazie a Gasperini e ad una società regina nella crescita dei giovani talenti, ha quintuplicato il suo valore. Oggi è uno dei centravanti più ambiti d’Europa. Senza cincischiare e con la sola volontà di fare cassa, l’Atalanta ha subito accettato ‘l’offertona’ del Man United, pari a 85 milioni. Ecco l’ennesima plusvalenza in ‘stile bergamasco’, che si aggiunge alle tante messe a referto come quelle di Romero, Kulusevski, Bastoni, Kessie, Gosens e altri. Atalanta maestra di incassi e guadagni che, nonostante venda sistematicamente le sue pedine, riesce sempre a fare risultati e competere con i top club europei. Certo, in questi anni di crescita costante e miglioramenti evidenti, non è riuscita a vincere trofei, ma in un calcio dove i debiti sono all’ordine del giorno e le perdite si aggirano intorno ai 6 miliardi, avere i conti in positivo è una grande vittoria.

In mezzo il patron Percassi (fonte CalcioAtalanta)

Incassare, guadagnare e spendere poco, 400 milioni di motivi per copiare il ‘modello Atalanta’

Mentre in Premier, solo in questa sessione di mercato, è stato speso oltre 1 miliardo e 400 milioni, con società in rosso che continuano ad acquistare, in Italia l’Atalanta dà lezioni a tutti. I ‘figli della dea’ sono l’emblema della perfetta gestione societaria che serve per sopravvivere nel calcio tiranno di oggi. Perché, se non sei un petroliere arabo con soldi infiniti o un magnate inglese con sponsor e diritti tv faraonici, i talenti devi necessariamente andarli a scoprire. Negli ultimi sette anni, il club del patron Percassi ha incassato oltre 400 milioni dalle plusvalenze. Una cifra record, alla quale nessun club di Serie A si è mai avvicinato ed in Europa iniziano a guardare all’Atalanta come un club da cui prendere esempio. La ricetta vincente è semplice, quasi scontata, ma tremendamente efficace: acquistare a prezzo di saldo, valorizzare e rivendere subito a cifre stellari. Facile, no? Una serie di plusvalenze a raffica che poggiano su un solido sistema di scouting, rafforzamento del vivaio ed estrema fiducia nelle giovani promesse.

D’altronde, il quadro si fa più completo se andiamo a vedere la struttura societaria bergamasca, perché alla fine è l’Atalanta stessa ad essere una gigantesca plusvalenza. Il Presidente Percassi, infatti, ex-stopper nerazzurro degli anni ’70, ha acquistato il club in via definitiva nel 2010 a soli 14 milioni, quando era sull’orlo del baratro. Grazie ad una strategia mirata e alla testardaggine bergamasca ha fatto lievitare il valore del club. Il 55% della società nel 2022 è stato venduto ad una cordata americana per 350 milioni. In tutto questo Patron Percassi ha mantenuto il timone del club, conservando il titolo di Presidente e inserendo il figlio Luca come Amministratore delegato e continuando a fornire una rosa competitiva a mister Gasperini. Insomma, il modello Atalanta si rinnova e consolida ad ogni sessione di mercato e club attendisti farebbero bene a sbirciare perché la riuscita è pressoché assicurata. Ci sono oltre 400 milioni di buoni motivi che lo confermano.

spot_img