Mal di schiena durante la corsa? No panic!

Ultime notizie

Quello del 2024 è il miglior Bagnaia di sempre?

Velocissimo, vincente e sempre meno incline all'errore, il pilota...

Con Jorge Martin l’Aprilia può sognare

Sfumata nuovamente la possibilità di passare al Ducati Lenovo...

Questo Marc Marquez può vincere il mondiale

Alla sua prima stagione in Ducati, Marc Marquez ha...

Share

La corsa è una delle attività fisiche più praticate al mondo, ma spesso ciò che trascuriamo in questa passione sono gli effetti collaterali che possono insorgere nel tempo. Uno di questi è il mal di schiena. Un problema che può affliggere i runner a causa di una serie di fattori, tra cui una postura scorretta e una muscolatura posturale indebolita. Non temete, bastano poche accortezze per evitare il rischio di rimanere fermi.

Mal di schiena e postura sbagliata: un binomio famosissimo

Il mal di schiena spesso trova la sua radice in una postura sbagliata durante la corsa. Quando corriamo, il nostro corpo è sottoposto a una serie di sollecitazioni, e una postura scorretta può aumentare notevolmente il rischio di lesioni alla schiena. La chiave per prevenire questo problema sta nell’attenzione minuziosa ai movimenti della schiena durante la corsa.

I muscoli posturali del dorso, come il trasverso dell’addome e i dorsali, svolgono un ruolo cruciale nel mantenimento di una buona postura. Quando questi sono deboli, è più facile cadere in una postura scorretta che può mettere sotto pressione la colonna vertebrale. Qui entra in gioco la core stability, un concetto che si riferisce alla capacità dei muscoli del core di stabilizzare la colonna vertebrale. Esercizi come il plank e altre attività che lo coinvolgono possono migliorare la postura durante la corsa e proteggere la schiena riducendo il dolore.

L’Importanza dell’appoggio del piede

Oltre alla postura generale, un altro aspetto spesso trascurato nella corsa è l’appoggio del piede. Un piede efficiente è essenziale per una corretta tecnica di corsa. L’appoggio dovrebbe essere neutro, il che significa che la caviglia non dovrebbe cedere verso l’interno o verso l’esterno. Inoltre, dovremmo dimenticare l’idea di correre solo sui talloni.

Un piede efficiente è uno che tocca il suolo solo per un breve istante e poi si solleva rapidamente. Gli esercizi che mirano a migliorare la forza elastica del piede sono particolarmente efficaci per raggiungere questo obiettivo. Balzi, salti, drills e skip sono esempi di esercizi pliometrici che coinvolgono il piede e aiutano a migliorare la sua reattività.

Propriocezione: adattarsi continuamente durante la corsa

Infine, è importante comprendere il concetto di propriocezione. La propriocezione è la capacità del nostro corpo di raccogliere feedback istantanei su ciò che stiamo facendo e di adattare l’azione di conseguenza. Nella corsa, l’adattamento è continuo poiché il terreno, la velocità e l’andatura variano costantemente. Mantenere una buona propriocezione è essenziale per evitare lesioni e migliorare la tecnica di corsa.

In conclusione, la corsa e il mal di schiena possono andare d’accordo se si presta attenzione alla postura, si rinforzano i muscoli posturali, si cura l’appoggio del piede e si sviluppa un buon senso di equilibrio dinamico e propriocezione. Prendersi cura del proprio corpo e della tecnica di corsa è essenziale per godere dei benefici della corsa senza il disagio del mal di schiena.

spot_img