Happy International Day of Sport for Development and Peace!

Ultime notizie

ATE Cup, un Winter Split tutto italiano

ATE Cup, finalmente un campionato in grado di colmare...

Federer annuncia il ritiro: “Ti amo e non ti lascerò mai”

A 41 anni Roger Federer lascia il tennis pubblicando...

Sportcity , l’evento per la sportivizzazione dei luoghi

Che significa sportivizzazione dei luoghi? Rendere le città più...

Simone Giannelli, l’arma in più dell’Italia di De Giorgi

Simone Giannelli: il regista italiano che dipinge con le...

Share

Il 6 aprile si festeggia la Giornata Internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace, ricorrenza nata in onore dei primi Giochi Olimpici dell’era moderna tenuti ad Atene nel 1896. Viene così celebrato lo sport in ogni sua forma come potente strumento sociale, capace di diffondere ideali e valori fondamentali quali: pace, fraternità, solidarietà, non-violenza, tolleranza e giustizia. 

Essere umanamente sportivi avvicina i popoli.

Il 23 agosto 2013, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite nella Risoluzione 67/296 decise di proclamare il 6 aprile come Giornata internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace. L’ONU, attraverso questa ricorrenza, riconosce il potere dello sport nel guidare costantemente le persone verso il cambiamento sociale e lo sviluppo della comunità, promuovendo la pace e l’unione. Celebrata ogni anno in tutto il mondo, in memoria dei I Giochi Olimpici di Atene 1896, lo scopo della giornata è quello di contribuire ad accrescere la consapevolezza del ruolo storico svolto dallo sport.

Quando quest’ultimo diventa valorizzazione della diversità, allora l’integrazione è la vittoria più bella. Lo sport ha il dono di renderci tutti uguali, sia nei giochi singoli che in quelli di squadra; praticarlo insieme ci rende coesi. “Lo sport ha il potere di cambiare il mondo – scriveva Nelson Mandela– Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza, dove prima c’era solo disperazione. È più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione”. Non solo è capace di accorciare le distanze tra i popoli, bensì sa renderli liberi. Non c’è un età per iniziare o per smettere, si è sempre in tempo per approcciare ad una nuova disciplina.





Just play.
have fun.
Enjoy the game. 

Michael Jordan





“Chi si impegna per lo sport e lo diffonde, aiuta il Paese” 

Queste le parole di Sergio Mattarella in occasione della sua visita presso la sede del CONI nel 2017. La Giornata Nazionale dello Sport (GNS), istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel novembre 2003, si svolge contemporaneamente in tutta Italia la prima domenica di giugno. E’ vista come un evento in cui in primo piano ci sono tutti coloro che amano e praticano lo sport.
A 9 mesi di distanza dalla nostra estate Italiana, che ci ha saputo regalare un cielo costellato di ori, si festeggerà all’insegna della promozione di tutte le discipline sportive coinvolte, ripercorrendo tutti i traguardi storici raggiunti negli anni.

Il tutto si svolgerà sotto la direzione del CONI che, in coordinamento con le associazioni presenti sul territorio ed insieme agli Enti Locali, assumerà iniziative volte a valorizzare la funzione educativa e sociale dello sport come fondamentale elemento di crescita e di arricchimento dell’individuo, di preservazione della salute, di miglioramento delle qualità della vita e di rafforzamento della società civile.
Da due anni, in special modo, questa giornata promuove il messaggio di quanto lo sport sia fondamentale per la ripartenza del Paese.

#SportDay #OnlyTogether

spot_img